"Sentire ciò che stiamo sperimentando così com'è" (Alan W. Watts)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"Sentire ciò che stiamo sperimentando così com'è" (Alan W. Watts)


A inizio della lezione abbiamo letto un brano di Alan W. Watts tratto dal suo La saggezza del dubbio:

"Se lavora nel modo giusto, la mente è la più alta forma di 'sapere istintivo'. Dovrebbe quindi operare come l'istinto dei piccioni viaggiatori e la formazione del feto nel grembo, senza verbalizzare il processo né sapere 'come' lo faccia. La mente autocosciente [...] è un disturbo, e si manifesta nell'acuta sensazione della separazione tra l' 'Io' e la mia esperienza. La mente può assumere il giusto comportamento solo quando la coscienza fa ciò che è destinata a fare: non deve contorcersi e rigirarsi per uscire dall'esperienza presente, ma esserne consapevole senza sforzarsi.
La domanda: «Cosa dobbiamo fare in proposito?», è posta solo da chi non capisce il problema. Se un problema può essere risolto, capirlo e sapere che cosa fare in proposito sono la stessa cosa. [...] Quando facciamo luce, l'oscurità svanisce di colpo.
Ciò vale in particolar modo per il problema che ora ci sta di fronte. Come sanare la frattura tra l' 'Io' e il 'me', la mente e il corpo, l'uomo e la natura, e far cessare tutti i circoli viziosi che essa determina? In che modo sperimentare la vita come qualcosa di diverso dalla trappola di miele nella quale ci dibattiamo come mosche? Come trovare sicurezza e tranquillità di mente in un mondo la cui vera natura è l'insicurezza, l'impermanenza, il mutamento incessante? Tutte queste domande [...] ci dimostrano che il problema non è stato capito. Non abbiamo bisogno dell'azione - non ancora. Abbiamo bisogno di più luce.
Luce qui significa consapevolezza: essere consapevoli della vita, dell'esperienza com'è in questo momento, senza alcun giudizio o idea su di essa. In altre parole, dobbiamo vedere e sentire ciò che stiamo sperimentando così com'è [...]. Questo semplicissimo 'aprire gli occhi' provoca la più straordinaria trasformazione della comprensione e della vita [...].
La consapevolezza è una visione della realtà libera da idee e giudizi [...].
Se voglio essere sicuro, cioè protetto contro il fluire della vita, voglio essere separato dalla vita. Eppure è proprio questo senso di separatezza che mi fa sentire insicuro. Essere sicuro significa isolare e rafforzare l' 'Io', ma è proprio l'impressione d'essere un 'Io' isolato a farmi sentire solo e impaurito. [...]
Più semplicemente: il desiderio di sicurezza e il senso di insicurezza sono la stessa cosa. [...]
Perseguiamo questa sicurezza rafforzandoci e racchiudendoci in noi in moltissimi modi. Vogliamo la protezione che ci viene dall'essere 'esclusivi' e 'speciali', cercando di appartenere alla chiesa più sicura, alla nazione migliore, alla classe più alta, all'ambiente giusto, alla gente 'per bene'. [...]
Ci dev'essere un 'Io' buono che cerca di rendere migliore il 'me' cattivo. L' 'Io', che ha le migliori intenzioni, cercherà di lavorarsi l'indocile 'me' e il contrasto fra i due ne metterà in rilievo il divario. Di conseguenza l' 'Io' si sentirà più separato che mai, e non farà che acuire i sentimenti di solitudine e isolamento che determinano il cattivo comportamento del 'me'" (pp. 43-46).