Dallo Zazen Wasan di Hakuin
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Dallo Zazen Wasan di Hakuin

Una parte dallo Zazen Wasan (Il canto dello Zazen) di Hakuin, importante maestro giapponese zen del XVIII secolo.

Tutti gli esseri sono originariamente dei Buddha.
Come nel caso dell'acqua e del ghiaccio,
dove non c'è ghiaccio senza acqua,
così non ci sono Buddha senza esseri viventi.

Ignorando quanto siano vicini alla verità,
gli esseri la cercano lontano... che peccato!
Sono come coloro che, immersi nell'acqua,
avendo sete, implorano da bere.
Sono come quel figlio di un ricco
che si è perso tra i poveri.

La ragione per cui gli esseri trasmigrano attraverso i sei mondi
è che essi si sono persi nelle tenebre dell'ignoranza.
Vagando di tenebra in tenebra,
come possono liberarsi dalle nascite e dalle morti?

Quanto allo zazen insegnato nel Mahayana,
non ci sono lodi che possano dirne i meriti.
Le sei paramita, come la carità,
l'osservanza dei precetti e le altre azioni meritorie, variamente enumerate,
come il nembutsu, la penitenza e così via...
sono tutte riconducibili allo zazen.

Possiamo fermarci qui. Bene, mettiamo in evidenza alcuni elementi tipici dello zen e che incontriamo in questo componimento.
Primo: lo stato di perfezione, di liberazione è già presente in noi. Non è qualcosa da costruire, ma da scoprire, da 'ricordare', di cui essere consapevoli: 'Tutti gli esseri sono originariamente dei Buddha'.
Secondo: il non avere realizzato pienamente questa verità conduce ad uno stato di ignoranza, che a sua volta è la causa delle nostre afflizioni interiori.
Terzo: questa ignoranza ci porta a cercare la verità qua e là, ad uno stato di dipendenza dualistico, che ci fa uscire da noi stessi e ci fa entrare nel circolo vizioso della 'ricerca della verità'.
Quarto: le varie virtù, morali e non, non sono il risultato di un servile sottostare a qualche codice etico, ma 'tutte riconducibili allo zazen': cioè la naturale conseguenza di uno stato interiore. Come è naturale che l'albero illuminato spanda la sua ombra a terra, così il buon praticante illumina la sua vita attraverso la sua interiorità.