Una premessa
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Una premessa


Naturalmente quando parliamo di 'esercizi' entriamo nel regno del paradosso. La meditazione si muove continuamente su questo filo di rasoio.
Esercizio: cioè ti sforzi, segui certe istruzioni, svolgi il compito che ti è stato dato in una determinata maniera, con una particolare impostazione fisico-mentale. Fai un esercizio e quindi lo vuoi sviluppare correttamente, con disciplina. L'idea di 'esercizio' soprattutto determina la mente verso una certa finalità: cioè l'impostazione di fondo è quella per la quale se pratichi per un certo periodo, con costanza, impegno, se lavori duramente su di te, allora riuscirai a ottenere dei risultati. Se ti impegni in uno sport, otterrai capacità che prima non avevi; se ti impegni nello studio di una lingua straniera, piano piano la conoscerai bene; se ti impegni nella soluzione di un compito di matematica, attraverso le tue conoscenze e i tuoi tentativi, riuscirai a risolverlo. Altrimenti hai fallito, non hai svolto correttamente il tuo esercizio.
Ecco: è evidente che nel nostro ambito non ci muoviamo all'interno di questa dimensione. L'istante presente è esso stesso nirvana, autentica liberazione e svuotamento completo. Non c'è una pratica per raggiungere il nirvana. Il nirvana non è la conclusione logica di un lavoro prolungato su di sé, non è la soluzione di un problema su cui ci si è impegnati a lungo. Non c'è alcun sentiero sul quale incamminarsi e che conduca alla realizzazione.
Eppure: gli 'esercizi'. Eppure Buddha si sedette sotto il cosiddetto albero della Bodhi e, dopo un intenso periodo di indagine e pratica interiore profonda, raggiunse - così si narra - il nirvana. Eppure c'è quella cosa che facciamo e che chiamiamo 'meditazione'. E la facciamo in un certo modo, piuttosto che in un altro: mettendoci in una certa posizione, dirigendo la consapevolezza su certi aspetti della nostra persona e usandola in un certo modo, ecc.
Su questo paradosso dobbiamo muoverci e dobbiamo permanere: se in esso perduriamo, si rivelerà fruttifero. Mantenersi nel paradosso significa non svolgere gli esercizi con atteggiamento dualistico di soluzione di un problema e nemmeno con atteggiamento di ignavia e noncuranza. La pratica deve essere equamente distante da questi due estremi: asciutta, anonima, lucida e non giudicante. Soprattutto l'esercizio deve essere anche un non-esercizio.
Devi praticare in un certo modo, ma finché dici a te stesso: "Devo praticare in un certo modo", ti irrigidisci, ti costringi in modo coatto, serri i denti e ti sforzi a fare bene ciò che fai. Ti svii.  Praticare in un certo modo lo si ottiene dimenticandosi di dover praticare in un certo modo, ma nondimeno praticando in un certo modo! È solo un gioco di parole?