Non godrai del mondo nel modo giusto finché... (Thomas Traherne)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Non godrai del mondo nel modo giusto finché... (Thomas Traherne)



"Non godrai del mondo nel modo giusto finché non saprai vedere come un granello di sabbia mostri il potere e la sapienza di Dio e finché non apprezzerai in tutte le cose il servizio che esse ti fanno manifestando la Sua gloria e la Sua bontà alla tua anima [...]. Il tuo godimento del mondo non sarà mai giusto finché [...] non guarderai i cieli, la terra e l'aria come gioie celestiali, avendo una reverente stima per tutto ciò, come se tu fossi tra gli angeli. [...] Non godrai mai in modo giusto del mondo finché il mare stesso non scorrerà nelle tue vene, finché non ti sentirai vestito con i cieli e incoronato con le stelle, e finché non concepirai te stesso come il solo erede del mondo intero, e finché non penserai che ogni altro uomo è un erede come te. [...]

Finché il tuo spirito non si riempirà del mondo intero e le stelle non saranno i tuoi gioielli; [...] finché non avrai intimamente conosciuto quell'oscuro nulla da cui il mondo è venuto [...]: non potrai mai godere del mondo. Finché non imparerai a sentire qualcosa di più della tua privata condizione e finché non sarai più presente nel mondo, considerandone tutte le glorie e le bellezze, che nella tua stessa casa; finché non ti ricorderai come sei stato fatto di recente e come è stato meraviglioso quando sei entrato nel tempo; e finché non ti rallegrerai nel palazzo della tua gloria come se esso fosse stato fatto soltanto questa mattina.

[...] Il mondo è uno specchio d'infinita bellezza, ma gli uomini non lo vedono. È un tempio di maestà, ma gli uomini non lo guardano. È una regione di luce e di pace, ma gli uomini lo turbano. È il Paradiso di Dio. E lo è più per l'uomo caduto di quanto lo fosse prima. È la sede degli angeli e la porta del Cielo". (Centuries of Meditations, I, 27-31).