"Un senso di riverenza, di meraviglia" (Eckhart Tolle)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"Un senso di riverenza, di meraviglia" (Eckhart Tolle)


Prendiamo a leggere qualche brano tratto da Un nuovo mondo di Eckhart Tolle:

"Quale liberazione accorgersi che «la voce nella mia testa» non sono io. E allora chi sono io? Colui che vede questo. La consapevolezza che precede il pensiero, lo spazio nel quale il pensiero, o l'emozione, o la percezione sensoriale accade.
L'ego non è niente altro che questo: l'identificazione con la forma, che in primo luogo significa le forme di pensiero. [...]
Ogni cosa - un uccello, un albero, perfino una semplice pietra e, di sicuro, un essere umano - è in definitiva non conoscibile. Questo perché ha una profondità imperscrutabile. [...]
Quando guardate una cosa o la prendete e la lasciate essere senza imporle un nome o una etichetta mentale, nasce in voi un senso di riverenza, di meraviglia. [...]
Se non coprite il mondo con parole ed etichette, quel senso di miracoloso [...] ritorna nella vostra vita. [...]
Più siete veloci ad attaccare etichette verbali o mentali alle cose, alle persone o alle situazioni, più la vostra realtà diventa superficiale e piatta [...]. In questo modo si può forse progredire in intelligenza, ma la saggezza andrà perduta così come andranno perduti la gioia, l'amore, la creatività e la vitalità. Essi sono nascosti nella immobile pausa fra la percezione e l'interpretazione. [...]
Le parole riducono la realtà a qualcosa che la menta umana può afferrare, il che non è granché. [...]
Nell'uso comune «io» rappresenta l'errore essenziale, una errata percezione di chi siete, un senso illusorio di identità. Questo è l'ego. [...]
Quel sé illusorio diventa la base per ogni altro modo di intendere - o meglio di fraintendere la realtà - con tutti i processi di pensiero, interazioni e relazioni. [...]
Se potete riconoscere l'illusione come tale, essa si dissolve. Il riconoscimento dell'illusione è anche la sua fine. La sua sopravvivenza è legata al fatto che la confondete con la realtà. Quando vedete quello che non siete, la realtà di chi siete emerge spontaneamente" (pp. 29-33).