la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

"Coscienti senza pensare" (Eckhart Tolle)

 


"Coscienti senza pensare" (Eckhart Tolle)


Abbiamo continuato a leggere qualche brano tratto da Parole dalla quiete di Eckhart Tolle:

"Potete non esservi resi conto che quei brevi periodi nei quali siete «coscienti senza pensare» stanno già succedendo naturalmente e spontaneamente nella vostra vita. Mentre siete impegnati in qualche attività manuale o mentre state aspettando al banco dell'aeroporto, e siete così completamente presenti che lo statico ed usuale stato mentale del pensiero cede e viene sostituito dalla presenza consapevole. O potete ritrovarvi a guardare il cielo o ad ascoltare qualcuno senza nessun commento interiore mentale. La vostra percezione acquista la chiarezza del cristallo, non offuscata dal pensiero.
[...]
La mente sta incessantemente cercando non solo cibo per il pensiero, ma anche cibo per la sua identità: per il suo senso del sé. Questo è il modo nel quale l'ego si forma e ricrea continuamente se stesso. [...]
Chi è colui che è consapevole della fugacità della vostra forma fisica e psicologica? È l'Io Sono. Questo è l'«Io» più profondo che non ha nulla a che vedere con il passato e con il futuro. [...]
Quando riconoscete che vi è una voce nella vostra testa che finge di essere voi, e che non smette mai di parlare, allora state risvegliandovi dalla vostra identificazione inconscia con il flusso del pensiero. Quando notate quella voce, vi rendete conto che chi siete non è quella voce - colui che pensa - ma colui che ne è consapevole. [...]
Quando vivete attraverso l'ego, riducete sempre il momento presente ad un mezzo per un fine. [...]
Quando date più attenzione al fare piuttosto che al futuro risultato che volete raggiungere attraverso quel fare, spezzate il vecchio condizionamento egoico. Ed allora il vostro fare diviene non solamente molto più efficace ma anche molto più soddisfacente e gioioso. [...]
L'egoico senso del sé ha bisogno di conflitto perché il suo senso d'identità separata si rinforza con il lottare contro questo o quello e nel dimostrare che questo sono «io» e che quello non sono «io». [...]
Nell'aver a che fare con la gente, potete notare nei loro confronti sottili sentimenti di superiorità o d'inferiorità? State guardando l'ego, che vive di confronti. [...]
L'ego ha bisogno di essere in conflitto con qualcosa o con qualcuno. Questo spiega perché state cercando la pace, la gioia e l'amore ma non potete poi tollerarli per molto. Dite di volere la felicità ma siete dipendenti dall'infelicità" (dai capp. II e III).

Nella lezione del mercoledì abbiamo continuato a leggere dal libro di Charlotte Joko Beck, Niente di speciale. Vivere lo zen (clicca qui).