"Lavorate con quello che avete sotto mano" (Achaan Sumedho)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


"Lavorate con quello che avete sotto mano" (Achaan Sumedho)


Concludiamo oggi nel leggere brani tratti dal testo di Achaan Sumedho, Il suono del silenzio:

"Lavorate con quello che avete sotto mano. Se tornando a casa vi sentite confusi e pensate di non poter praticare, affidatevi alla vostra capacità di essere consapevoli che si tratta di un pensiero («Non posso praticare nella vita quotidiana, ho troppe responsabilità, troppe...»). Fermatevi. Chi è che lo pensa? Che cos'è? È un pensiero, vero? Io creo me stesso come qualcuno che non può farcela. Grazie alla consapevolezza iniziate a cogliere momenti come questi, cominciate a svegliarvi; non a convincervi di potercela fare, perché non cambierebbe nulla. Semplicemente, date fiducia all'essere consapevoli di come create voi stessi. Come gettarsi per terra e gridare «Non ce la faccio»: non è stata questione di crederci, ma di esserne testimoni. Mettetevi nella posizione del Buddha che ascolta il Dhamma, e quando il tiranno interiore comincia a punzecchiare e insultare saprete ascoltarlo, riconoscerlo.
[...]
Quando provate un'emozione, è quella che è, ma un modo abile per affrontarla è farne oggetto di riflessione, accoglierla così com'è: sorgere, cessare, anattā, non sé. [...] Dentro la maggior parte di noi regna il conflitto: la mente razionale giudica l'esperienza emotiva, e non sappiamo che pesci prendere. Spesso crediamo che l'intelligenza sia nella mente razionale, che sa benissimo cosa dovremmo provare, cosa dovremmo fare, in cosa dovremmo credere, cosa è giusto e cosa è sbagliato. La realtà emotiva è diversa. Paura, ansia, preoccupazione, scoraggiamento, gelosia, invidia, indegnità, autodenigrazione, rabbia, risentimento, indignazione, lutto, avidità, desiderio sessuale, voluttà... non sono cose razionali o ragionevoli, ma sono parte integrante della natura umana. Il nostro mondo emotivo è così. Non è ragionevole o razionale. Ma è sensibile. Quindi il nostro rapporto con la sensibilità non è all'insegna del giudizio, della denigrazione, della contrapposizione, ma dell'accoglienza. È in questo senso che la consapevolezza intuitiva è un rifugio. Ed è quello che tutti noi abbiamo bisogno di imparare.
[...]
Immaginiamo come sarebbe bello evadere dalle trappole mentali, tentiamo e falliamo, e quindi ci giudichiamo. Ma quel senso di: «Non dovrei sentirmi così, non dovrei avere queste abitudini, devo disfarmi di questo, diventare in un certo modo...», può essere osservato in quanto processo. [...] Possiamo comprendere a fondo la natura del desiderio e dell'attaccamento [...], e a quell'intuizione profonda si accompagna il lasciar andare. Comprendere il lasciar andare... lo ripeto, non è resistere, o disfarsi di qualcosa, ma lasciarlo essere com'è" (pp. 138-141).