La notte, il portico (Mark Strand)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


La notte, il portico (Mark Strand)


Fissare il nulla imparare a memoria
quello in cui noi tutti verremo spazzati, e spogliarsi
al vento sentire l'inafferrabile "qualche luogo" farsi vicino.
Le piante possono piegarsi o stare ferme. Il giorno o la notte possono essere quello che vogliono.
Quello che desideriamo, pi che una stagione o un clima, la consolazione
di essere estranei, almeno a noi stessi. Questo il nocciolo
della questione, ed il motivo per cui anche adesso pare che aspettiamo
qualcosa la cui apparizione sarebbe il suo svanire -
il rumore, ad esempio, di qualche foglia che cade, o una foglia sola,
o meno. Non c' fine a quanto possiamo imparare. Il libro laggi
non dice altro, e non stato affatto scritto con in mente noi.
 

 

 

Un ringraziamento a Gloria per la gentile segnalazione.