"Staccare la spina delle nostre pretese"
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 




"Staccare la spina delle nostre pretese"

All'inizio della lezione abbiamo letto un brano tratto dal libro di Leo Anfolsi, Bananananda:

"Bisogna anche solo per qualche attimo staccare la spina delle nostre pretese.
Se giochiamo a bocce, non ci dato pretendere che la boccia faccia ci che vogliamo. Se ci concentriamo in questo modo, ci viene mal di testa; se qualcuno coltiva quotidianamente questa attitudine, rischia di farsi veramente del male.
Ma con la boccia in mano accade qualcosa di magico, un amore mistico si accende fra l'anziano pensionato e la sua boccia; accarezzandola, con la scusa di pulirla, quasi senza accorgersene, l'uomo diventa una nuvola che avvolge il pianeta e lo lancia sulla pista di terra battuta fra le urla dei compagni.
In quell'istante le aspettative dei compagni di gioco vengono svuotate dal fascino di un gesto supremo. Questa la vittoria [...]
oramai leggenda che in Giappone sia vissuto un Maestro arciere che non colp mai il bersaglio. Chi lo guardava era trasfigurato dall'estasi dei gesti; questo era il dono che lui faceva al pubblico, ma ancora prima era la sua vita. Tutti i Maestri che lo conoscevano lo ammiravano come il supremo arciere.
utile avere delle pretese?".

Quindi: entrare in una dimensione nella quale si liberi da aspettative, pretese, speranze - che sono sempre proiezioni nel futuro, che ci deviano dalla nostra presenza nel qui ed ora. Entrare in una dimensione estatica, nella quale l'atto realizzato con pura consapevolezza e in attenta quiete si trasfigura in suprema perfezione. Davanti al gesto supremo ci svuotiamo di tutto; diveniamo l'azione stessa. Non c' pi io o tu, soggetto o oggetto: solo l'evento il nostro pieno e completo aderire ad esso.

Abbiamo iniziato la pratica con la consapevolezza del respiro.
Successivamente la camminata in meditazione.
Poi, seduti, la consapevolezza sulle parti del corpo che poggiano a terra: ginocchia, piedi e le zone inferiori delle gambe che toccano. Registriamo i micromovimenti, gli spostamenti di equilibrio che si riverberano su queste parti. Il peso si sposta impercettibilmente avanti, dietro, a destra, a sinistra: con la consapevolezza percepiamo questi piccoli spostamenti del nostro baricentro.
In ultimo, zazen.

Al termine della lezione abbiamo letto un paio di brani di Charlotte Joko Beck (clicca qui).