"Cogliete il giusto momento" (Dallo Shobogenzo)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


"Cogliete il giusto momento" (Dallo Shobogenzo)


Un altro brano tratto dallo Shobogenzo, dal capitolo Bussho:

"Il Buddha disse: 'Se volete conoscere il principio della natura-di-Buddha, cogliete il giusto momento e le giuste circostanze. Quando viene il momento, la natura-di-Buddha si manifesta'. 'Se volete conoscere il principio della natura-di-Buddha' non significa semplicemente conoscere, ma anche addestrarsi, illuminare, chiarire e infine dimenticare. Spiegare, addestrarsi, illuminare, sbagliare o non sbagliare, rappresentano tutti il giusto momento e le giuste circostanze. Il modo per cogliere il giusto momento e le giuste circostanze, è quello del momento giusto. [...] Questo cogliere non ha rapporto né con chi coglie né con ciò che è colto, e neppure con un vero o falso cogliere. È soltanto cogliere. È puro cogliere; non è la propria percezione, né quella di altri. È cogliere al di là del momento giusto. È la natura di natura, ed è il 'Buddha' di Buddha".

Il rapporto tra la natura-di-Buddha e l'istante presente è di identità: nell'istante presente è la natura-di-Buddha e la natura-di-Buddha è colta solo nell'istante presente. Sempre è 'cogliere il giusto momento': il giusto momento è lo squadernamento dell'intera realtà, della sua potente totalità, è la rivelazione della bellezza sempre aperta, disponibile, sempre illuminata e illuminante, quella buddhità auto-risplendente, che senza tregua si manifesta. Questa bellezza la cogli cercandola e dimenticandotela; una famosa frase sempre di Dogen è "Studiare se stessi è dimenticare se stessi". Cercare è cercare di dimenticare e dimenticare è dimenticare ciò che prima hai chiaro, perché c'è stata un'illuminazione, cui si è giunti attraverso un addestramento, sulla base di una conoscenza. Ma è tutto in tutto: conoscere, addestrarsi, illuminare, chiarire e dimenticare sono tutto un uno, sono un identico momento, sono il giusto momento. Non lo raggiungi il giusto momento: lo cogli, ne fruisci, lo vivi istantaneamente; vivere il giusto momento è semplicemente sentirlo, è un accorgersene, è un essere in esso. Non c'è nessuna modalità astratta per coglierlo, è nel giusto momento stesso la sua possibilità, la nostra modalità di accoglimento.
Non c'è un giusto momento che si contrapponga a un momento inadatto: non siamo nell'ambito delle dicotomie giusto/sbagliato, corretto/scorretto, ecc. Giusto lo è nel senso che non può che essere quel momento, è quell'appuntamento con il momento che fa sì che esso si estrinsechi, si presenti come giusto. Non c'è il momento opportuno e quello sconveniente, inadeguato. Tutto è nel momento giusto, anche "sbagliare o non sbagliare": non si tratta di un fare in un certo modo piuttosto che un altro, non si tratta di capire, di essere intelligenti o preparati per coglierlo nella modalità dovuta. Il testo dice che questo cogliere non ha rapporto con il soggetto che coglie, con l'oggetto che viene colto o con il modo di cogliere da ritenersi giusto. Non c'è nessuna frattura; se fosse diversamente, ci sarebbe una divisione tra sacro e profano, tra verità e falsità. Il momento giusto spezza questa possibile fuga dal qui e ora, fa piazza pulita di questo ragionare, di questo sezionare: compatta tutto, rende uno e svuota insieme. Non c'è più verità, non c'è più passato o futuro, non c'è più domanda e risposta; non c'è altro che il momento e in questo suo darsi è il momento giusto. Sei con esso, sei in esso, sei esso, non sei, c'è esso e basta: nulla da cogliere, nessuno che coglie, solo il cogliere e la sua esattezza, che va al di là, incredibilmente al di là di vero e falso.
Allora è questo cogliere che spezza il velo, che spacca il tetto della casa. Se il giusto momento si realizza nel cogliere il momento stesso, allora è il cogliere ad attuarlo, è nel coglierlo il compimento del momento nella sua giustezza. Lo avvera, dicendo sì ad esso, riconoscendolo, ricevendolo, accogliendolo, facendolo proprio. Allora è la buddhità, allora è nel cogliere l'appuntamento con il momento, è il cogliere che rende il momento, momento giusto. Non c'è dunque più nemmeno il momento giusto, lo si supera in una spaziosità di puro cogliere, che è fatta di apertura e attenzione, di consapevolezza e di visione penetrante: è un vedere e un accogliere che sono tutt'uno. Dal piano del momento giusto si è passati al piano del 'puro cogliere': dalla natura alla 'natura di natura'; dal Buddha al 'Buddha di Buddha'". Non c'è più un cogliere il momento, che potresti anche fallire, ma c'è solo il cogliere, affrancato dal suo oggetto e quindi completamente accogliente rispetto ad esso; non c'è più un cogliere direzionato verso un certo dove, verso una certa direzione. È tutto e in tutto, è in ogni dove. Non c'è più chi coglie e ciò che viene colto. C'è il cogliere e così la realizzazione di tutto. Anche del giusto momento, ma a questo punto questo fatto ne è solo una delle naturali conseguenze. Quando c'è il puro cogliere che importa più il momento giusto?