"Una volta un uomo cadde in un burrone" (Idries Shah)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"Una volta un uomo cadde in un burrone" (Idries Shah)


Una volta un uomo cadde in un burrone. I suoi abiti si impigliarono nei rami di un albero che cresceva lungo il dirupo. Egli rimase appeso là, a metà del precipizio, rischiando da un istante all'altro di precipitare nel fiume spumeggiante che scorreva molto più in basso.
L'uomo levò gli occhi al cielo e urlò, terrorizzato:
'C'è qualcuno lassù?'.
Immediatamente una voce rispose:
'Che vuoi?'.
'Dimmi che fare!', replicò.
'Lasciati andare e cadi!', disse la voce.
L'uomo stette un momento a pensare, guardò di nuovo giù e poi urlò ancora verso il cielo:
'C'è qualcun altro lassù?'.
In quel mentre le radici dell'albero si staccarono dal terreno...