"Il segreto più grande della vita" (Osho)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


"Il segreto più grande della vita" (Osho)


Il giovedì di questa settimana abbiamo continuato a leggere dalle opere di Osho:

"Il segreto più grande della vita è imparare a morire, accettare la morte. Lascia che il passato muoia ogni giorno. Lasciati morire ogni giorno. Noi non permettiamo al passato di morire. Un uomo di settant'anni mantiene vivi nella memoria i ricordi dell'infanzia. È troppo vecchio per andare in giro, è costretto a letto, ma la sua giovinezza non è ancora morta. Pensa ancora alle stesse cose; sta ancora sognando le dive del cinema della sua fanciullezza, sebbene nessuna di esse sia più la stessa. Le immagini si muovono ancora davanti ai suoi occhi; nulla è morto. Di fatto, il nostro passato non muore mai. Non abbiamo mai il coraggio di morire; non lasciamo mai andare nulla, e di conseguenza tutto continua ad accumularsi. Non permettiamo a ciò che è morto di essere morto; piuttosto, lo accumuliamo come una zavorra. E poi diventa impossibile vivere sotto questo peso. Per cui, una delle chiavi dell'arte di morire è: lascia che ciò che è morto sia morto" (Da La voce del mistero, p. 65).

Non è che i ricordi vadano soppressi. Come si potrebbe? Sarebbe innaturale e snaturante. Piuttosto è il vivere il presente, lo starci, il riconoscerlo. Non è facile, siamo così aggrappati ad altro... Ma se non lo riconosci e non ti ci ritrovi, se non ti abbandoni ad esso, accogliendolo per quello che è, sarai sempre nella nostalgia di un passato illusorio o in vana attesa di un futuro che non esiste. Vivere nel mutamento, vivere il mutamento è la sola seria risposta alla struttura della realtà e del suo divenire.

Abbiamo iniziato con la consapevolezza del respiro.
Poi la camminata.
Successivamente, da seduti, l'indagine dalla testa ai piedi delle sensazioni e tensioni corporee.
In ultimo: zazen.

A conclusione della lezione del lunedì non siamo riusciti a leggere il brano tratto dallo Shobongenzo, perché gli esercizi ci hanno preso tutto il tempo. Ve lo propongo comunque (clicca qui).