"Si tratta di trovare la natura nel corpo" (Steve Paxton)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


"Si tratta di trovare la natura nel corpo" (Steve Paxton)


Leggiamo alcuni brani da un'intervista a Steve Paxton, maestro di danza e contact improvisation, intervista che compare nel libro di conversazioni con danzatori, antropologi, maestri zen, musicisti, filosofi, fotografi, teologi, maestri di arti marziali, ...Il libro dei maestri - Porte senza porta rewind di Beppe Sebaste:

"«Oggi mi sembra che l'oppressione sia individuale, all'interno di ogni individuo. È da me che dipende il fatto di essere libero, essere libero là dove sono. [...] Lo scopo è dare al corpo una chance, essere sfidato [...] dalla situazione del movimento. Da una parte c'è il lasciar fare, dall'altra la determinazione. È un paradosso».
«Non è l'abbandono la cosa più importante?» gli chiedo, «nel senso di essere col movimento, nel movimento?».
«È uno dei grandi problemi: se controllare o lascare che la natura faccia il suo corso. Ed è sempre questo il problema. [...] Non può esserci una cultura senza un'unità degli individui, è questo il nodo di una cultura. E tuttavia non può esserci individuo senza libertà dalla cultura. Così abbiamo un paradosso e viviamo sempre in una situazione paradossale». [...]
«Ricevendo una mela sulla testa, Isaac Newton è stato messo sulla via delle tre leggi da lui definite in materia di movimento. Esse sono diventate il fondamento delle nostre teorie fisiche. Poiché Newton era innanzitutto una mente obiettiva, non tenne conto di quello che si sente quando ci si trova al posto della mela. Quando mettiamo la nostra massa in movimento, noi sormontiamo il richiamo costante dell'attrazione terrestre per rispondere all'invito dinamico e volteggiante della forza centrifuga. I danzatori si lasciano portare da quelle forze e 'giocano' [...]».
[...] L'antica sentenza del maestro zen Dogen (XII secolo), «quando trovi il tuo posto lì dove sei, la pratica avviene», è sviluppata [...] da Steve Paxton. [...]
È importante considerare quello che è successo alla gente - mi spiega Steve - cosa era il corpo un tempo, e cosa è adesso. Mi sembra che il corpo si sia evoluto dal tempo in cui si doveva cacciare per avere cibo, proteggersi facendo uso del «paesaggio», nuotare, arrampicarsi, correre o camminare, e da tutto questo viene forse necessariamente la danza, che è un modo di usare i muscoli senza lo stress dell'atteggiamento lavorativo, ma solo per il gusto di usarli. Così, nelle società tribali si vede danzare, per motivi rituali [...]. Ma il corpo in queste situazioni è attivo nell'ambiente, nel contesto. I sensi, per esempio gli occhi, il visivo, sono usati non solo per leggere o per vedere i film o la tv, e per leggere nell'ambiente circostante, in quale ristorante andare o che strada attraversare, ma per trovare animali e piante, distinguere colore, forma e movimenti, una varietà di cose molto più sottili di quelle cui siamo abituati. Noi abbiamo a che fare con cose piuttosto evidenti. Per esempio: su quel muro c'è scritto Pizza, Pizzeria, il disegno è piuttosto chiaro, non c'è nessuna sottigliezza o discriminazione quanto a questa parola, questa parola ti grida visualmente. Adesso non stiamo più in ascolto di lievi rumori o di qualcosa che si muove nell'erba o nella foresta, udiamo grandi suoni chiari, di traffico, di gente che cammina, non ha nemmeno grande importanza che sia l'uno o l'altro, di gente che parla, noi adesso stiamo parlando e usiamo le orecchia soltanto per comunicare, non circolarmente per la sopravvivenza o la sicurezza. E il corpo...
Il corpo è stato anch'esso urbanizzato, e qui ci muoviamo o camminiamo su superfici lisce, oppure su e giù per le scale, e nemmeno quello, prendiamo scale mobili e ascensori, e tutti i sensi sono diventati così pigri, tutto il corpo. Nelle città non abbiamo più bisogno di prestare attenzione a queste cose. Così, quello che penso sia vero per ogni classe di educazione fisica, è che ci risveglia di nuovo al corpo. Possono essere arti marziali, il tai chi o lo yoga, o anche uno sport, non ha importanza. Ci si risvegli al corpo e si dà al corpo una possibilità di fare, di fare quello che può fare, e il corpo si abitua, e questa abitudine non è solo il sistema muscolare o scheletrico ma anche i nervi, ovviamente, e i sensi vengono un po' esercitati, e gli organi, e le ghiandole. Molti sistemi del corpo vengono energizzati, e così mi sembra importante suggerire in queste classi, attraverso la natura di questi esercizi e verbalmente, che la civiltà ha reso molto stupidi gli individui che compongono questa civiltà. Questa è un po' anche la natura reale delle istituzioni (la civiltà essendo la più grande istituzione), ma ogni istituzione ha la caratteristica di semplificare le cose affinché possano essere capite molto facilmente. È il compito delle istituzioni. Sì, si tratta di trovare la natura nel corpo, da quando la natura là fuori è stata fatta «natura» nella sua forma più semplificata" (pp. 62-66).