Sdraiati, aperti
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

Sdraiati, aperti


Stando supino, sento l'apertura del petto, l'ampiezza delle clavicole, il crollo delle scapole a terra.
Anche le natiche si sciolgono, si fa spazio all'interno del pavimento pelvico.
Le mascelle crollano, la gola si apre.
Mentre espiro, sento tutto il corpo che poggia a terra, questa bellezza.
Ogni istante, sto lý.