Spiaggia (Pedro Salinas)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 



Spiaggia (Pedro Salinas)


Fluttuante, senza appiglio,
nuotando fuori dall'acqua,
volontario alla deriva
nelle ore, e nell'aria,
nella faccia del mattino.
Tutto fuggitivo, tutto
scivola, da tra le dita
il mondo che si dilegua,
la terra, la sabbia. Nubi,
e vele, gabbiani, schiume,
i biancori pi¨ svariati,
che mi tirano, li seguo,
li lascio. Ci sono, c'ero,
ci sar˛? Ma senza andare,
venire, quieto, fluttuando
di qua e di lÓ, nell'azzurro.
Ed una gioia che Ŕ
nella lama del mattino
rompe, taglia, riesce a sciogliere
nodi, promesse, gli ormeggi.
Frotte d'ombre come ninfe
che sfuggono ai loro corpi
in isole scatenate.
Con il suo carico inutile
di ricordi e di scadenze
- che non servono, che non servono! -
il tempo salpa le ancore.
GiÓ sparito. Senza tempo,
la fretta e la calma uguali,
con che fretta, con che calma
gioca il lontano al vicino
appeso alla verdeazzurra
altalena delle distanze!
Suona il silenzio a distesa
di ammutolite campane
e compie il suo giuramento
ogni orizzonte dell'alba:
la vita tutta alla luce,
senza pesi, pura, fluttua
nÚ in acqua, nÚ in aria, in nulla.