Precetti sulla vigilanza
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

Precetti sulla vigilanza

Abbiamo letto qualche brano tratto dal Saman Suttam, che potremmo chiamare la 'bibbia' del Jainismo. Il Jainismo una religione molto importante in India, il cui fondatore Mahavira, era contemporaneo del Buddha. Molti aspetti del Jainismo sono affini agli insegnamenti buddhisti. Tra questi, il riferimento all'attenzione.

"Secondo le scritture, l'individuo sia violento sia non violento. Quando attento non violento, quando disattento violento.
[...]
La disattenzione la causa dell'afflusso del karma. L'attenzione lo ferma. Chi non attento ignorante, chi attento saggio.
L'ignorante non pu distruggere i karma attraverso le proprie azioni, mentre il saggio pu distruggere i karma attraverso l'inazione, ovvero controllando le proprie azioni in modo da essere libero dall'avidit e dalle bramose passioni; essendo pago, non commette nessun peccato.
Chi non vigile si sente costantemente minacciato dalle paure; invece chi vigile non prova nessuna paura.
[...]
O esseri umani, siate sempre vigili! Chi costantemente all'erta acquisisce sempre pi conoscenza. Chi non vigile non beato. Chi vigile sempre beato.
La persona compassionevole, vigile e rispettosa delle altre vite, la persona che sempre cauta quando solleva e sistema una cosa, quando urina, quando defeca, quando si muove e quando dorme realmente una seguace della non-violenza".

Abbiamo poi iniziato la pratica: unicamente anapanasati e meditazione in camminata.

Alla conclusione ci siamo permessi di parlare un po' a ruota libera: dalla tripartizione corpo-anima-spirito nel cristianesimo al Daimon di Socrate, dalla medicina antroposofica ai rosacroce.