Una poesia di Jon Kabat-Zinn
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Una poesia di Jon Kabat-Zinn


Jon Kabat-Zinn Ŕ fondatore della Clinica per la riduzione dello stress e il Centro per la consapevolezza nella sanitÓ e nella societÓ della FacoltÓ di Medicina dell'UniversitÓ del Massachussets, oltre che professore nella medesima UniversitÓ.


Hai mai fatto l'esperienza di fermarti del tutto,
di essere cosý totalmente nel tuo corpo,
di essere cosý totalmente nella tua vita
che quel che giÓ sapevi e quello che non sai,
e quel ch'Ŕ stato e quel che ancora dev'essere,
e le cose come stanno proprio ora
non ti danno neanche un filo d'ansia o disaccordo?
Sarebbe un momento di presenza totale,
al di lÓ della lotta, al di lÓ della mera accettazione,
al di lÓ della voglia di scappare o sistemar le cose o tuffarcisi dentro a testa bassa:
un momento di puro essere, fuori dal tempo,
un momento di pura vista, pura percezione,
un momento nel quale la vita si limita a essere,
e quell'"essere" ti prende, ti afferra con tutti i sensi,
tutti i ricordi, fin dentro i geni,
in ci˛ che pi¨ ami,
e ti dice: benvenuto a casa.