"La perfetta concordanza di me con me stesso" (Fernando Pessoa)
la meditazione come via
tra tantrismo, vipassana e zen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"La perfetta concordanza di me con me stesso" (Fernando Pessoa)


 

Cosa non mi permette di essere in contatto con la realtÓ? ╚ ci˛ che non mi permette di abitare intimamente me stesso: il mio non essere in nuditÓ. Sempre le tradizioni hanno visto questa duplice abitazione in autenticitÓ di esterno ed interno come grande e nobile lavoro:


 

"O caro Pan e voi altri dŔi che siete in questo luogo,
concedetemi di diventare bello di dentro,
e che tutte le cose che ho di fuori siano in accordo
con quelle che ho dentro" (Platone)


 

E per quale via passa questo stare in nuditÓ? Nell'accorgermi in quanto barricamento vivo, nel riconoscere (che Ŕ un vedere in vicinanza, Ŕ un sentire, Ŕ un percepire, non un sapere) quante identificazioni confondo con la mia veritÓ, quanto la mia persona sia divenuta una collezione di false identitÓ, e quanto uscire da tutto ci˛ Ŕ spaziositÓ vuota di piena libertÓ:


 

"Se ti togliamo ci˛ che non Ŕ tuo

non ti rimane niente" (Milo De Angelis)


 

Allora finalmente quello sfasamento tra me e la realtÓ, che percepisco soprattutto come sfasamento tra me e me, cade. Non c'Ŕ pi¨ alcuna parola che commenta ora la separazione tra me e la mia autenticitÓ. L'autenticitÓ Ŕ la fine del giudicare se stessa.


 

"Ah, potessi avere la perfetta concordanza

di me con me stesso,

il silenzio interiore senza la distanza

fra me e ci˛ che dico!" (Fernando Pessoa)