Pacifismo (Buddha)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Pacifismo (Buddha)


Il giovedì di questa settimana abbiamo letto il seguente brano tratto da un discorso del Buddha:

"È stato detto, quindi: 'A causa della protezione, ecco nascere molti tristi e nefasti fenomeni quali l'armarsi di mazza e spada, la lite, il dissidio, la discussione, il conflitto, la calunnia, la menzogna'. E questo, o Ananda, il fatto cioè che a causa della protezione nascano molti tristi e nefasti fenomeni quali l'armarsi di mazza e spada, la lite, il dissidio, la discussione, il conflitto, la calunnia, la menzogna, dev'essere inteso nel modo seguente.
Se non vi fosse protezione alcuna, o Ananda, per nessuno, assolutamente ed in nessun luogo, allora, non essendoci più protezione alcuna, a causa appunto di questa estinzione della protezione potrebbero mai nascere l'armarsi di mazza e spada, la lite, il dissidio, la discussione, il conflitto, la calunnia, la menzogna?".
"No certo, signore".
"Perciò, o Ananda, questa e non altro è la causa della nascita di molti tristi e nefasti fenomeni quali l'armarsi di mazza e spada, la lite, il dissidio, la discussione, il conflitto, la calunnia, la menzogna, questo è il fondamento, l'origine, il presupposto, cioè a dire la protezione" (Mahanidanasuttanta, 10).

Potremmo chiamarlo pacifismo del Buddha. La tendenza alla protezione causa un atteggiamento di contrazione, di sguardo malizioso sul mondo: è un seme per l'astiosità. Mi proteggo, alzo la guardia e così affronto il mondo, compreso me stesso. Il filtro della preoccupazione a proteggersi modifica la mia percezione, macchia quel vuoto interiore che è l'unico specchio valido che ci permetta di avere un contatto diretto e profondo con la realtà. La protezione è un'aggiunta che si oppone allo stato naturale, semplice, disarmato di una mente lucida e consapevole. È un agire affettato, sempre pronto a valutare le seconde intenzioni.
Invece: disarmo, abbassamento della guardia, apertura della mano chiusa, svuotamento, rilassamento. Lasciare la presa. Ecco la realtà sempre presente: me stesso e il mondo, me stesso nel mondo.
Ovviamente tutto questo ha una sua ricaduta anche nella pratica meditativa. Spesso si inizia a meditare cercando una forma di protezione: dagli altri, dalle nostre tensioni, dal mondo visto come sede del male, ecc. Una pratica più matura invece si affranca da questo approccio, che nasconde un atteggiamento mentale ancora astioso, avverso, rancoroso e di inimicizia, per sposare invece un orientamento più abbandonante e rasserenante.

Abbiamo iniziato con la consapevolezza del respiro.
Poi la camminata.
Successivamente, da seduti, la consapevolezza dei micro-movimenti del corpo.
Infine: zazen.

A conclusione della lezione del lunedì abbiamo letto e commentato un altro brano tratto dal Denkoroku (clicca qui).