Il dono dell'ascolto (Frank Ostaseski)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 



Il dono dell'ascolto (Frank Ostaseski)


Terminiamo oggi di leggere da Saper accompagnare - Aiutare gli altri e se stessi ad affrontare la morte di Frank Ostaseski:

"Ascoltare non è altro che dare, guarisce con il potere della generosità. È un dono particolarmente prezioso per qualcuno che sta morendo. Per ascoltare bisogna svuotarsi, essere disponibili a ricevere senza aspettative e senza giudizi [...]. Un ascolto di qualità richiede che l'attenzione sia diretta non solo all'altro, ma anche alla propria interiorità. Chi ascolta deve saper restare concentrato sulle sensazioni, sui sentimenti e sulle intuizioni che emergono dentro di sé, perché é proprio questa la chiave che gli consente di entrare in risonanza con l'altro.

Lo psicologo Carl Rogers ha definito l'empatia in questi termini: «L'empatia consiste nell'accedere al mondo percettivo dell'altro e arrivare a sentircisi perfettamente a proprio agio. Consiste nell'abitare temporaneamente la sua vita e muovercisi dentro con delicatezza, astenendosi dal giudicare. Significa comunicare ciò che si riesce a cogliere del mondo dell'altro quando lo si guarda con occhi limpidi, senza paura. Consiste nel verificare spesso la correttezza delle proprie impressioni sottoponendole all'altro, e farsi guidare dalle risposte che si ricevono. Rapportarsi a un'altra persona in questo modo richiede di mettere da parte le opinioni e i valori personali per accedere al mondo dell'altro senza pregiudizi. In un certo senso richiede di mettere da parte se stessi, e questo lo può fare solo qualcuno che è abbastanza sicuro di sé da sapere che non si perderà [...]».

[...] Muoversi nel mondo dell'altro con delicatezza, astenendosi dal giudicare. Guardare con occhi limpidi, senza paura. Riuscite a immaginare cosa si prova a essere ascoltati così?

L'ascolto empatico richiede di essere completamente presenti. [...] Entrate in contatto con voi stessi. Chiedetevi come state. Essere presenti è sufficiente. Non dovete fare nulla di speciale. Prestate attenzione alla tendenza a voler fare succedere qualcosa, che spesso ha l'effetto di trasmettere un grosso carico d'ansia. Tenete semplicemente compagnia al malato, ma nel contempo restate vigili. Io ho passato ore a guardare la televisione insieme ai pazienti, pensando di non fare niente di utile, per poi sentirmi congedare con un: «Grazie, è stato bello passare un po' di tempo con qualcuno che non mi tratta da malato»" (pp. 44-45).