Ecco: ogni cosa ha il suo opposto (Nuruddin)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

Ecco: ogni cosa ha il suo opposto (Nuruddin)


Ecco: ogni cosa ha il suo opposto
la affermi, si afferma in una realtÓ 
ma la stessa realtÓ la nega. 
Ecco: nella mia affermazione di questa esistenza 
si staglia l'ombra della sua negazione. 
Ecco: tutto Ŕ perfetto. 
Il cielo Ŕ assorbito dal mare e il mare dal cielo. 
Ecco: tutto in un punto. 
Dico io e subito Ŕ negato. 
Per cosa mai si lotta, per affermare se stessi? 
Ogni cosa che si vince, che si realizza, guarda: 
sara'per chi finirÓ terra nella terra dove Ŕ nato. 
Dove Ŕ dunque un motivo d'orgoglio? 
Non si hanno dunque occhi per vedere 
che il delinquente ed il re, il pezzente ed il magnate 
sono nati dalla stessa terra e finiscono nella stessa terra? 
Dove trovare le differenze? In ben altro oro 
dove vita e morte stanno sullo stesso piano. 
Le radici nell'Anima trovano essenze 
quelle nella terra illusioni. 
Ma tutto ci e' dato.