"Non c'è nulla da raggiungere (Jean Klein)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"Non c'è nulla da raggiungere (Jean Klein)


Leggiamo un brano tratto da La gioia senza oggetto di Jean Klein, autore che abbiamo già preso in considerazione nel passato:

"Se appare la nozione di un ego, non dovete fuggire, lottare. Violenza o meno, esso non può cambiare se stesso, ma resta un ego. Evitate di fuggire, di compensare o di sovrapporre. [...] Succede infine che ciò che è osservato non si può più mantenere, non è più alimentato, e un giorno si riassorbe nell'osservazione. L'osservatore solo sussiste, la sua natura è pienezza non duale, in quel momento perde il suo carattere funzionale e si rivela pura coscienza.
Questa coscienza è presente in ogni istante: sia che noi pensiamo, che proviamo delle sensazioni [...]; solo la coscienza pura rimane. Essa è là in tutte le azioni, senza che ci sia nessuno che agisca [...].

Dobbiamo cercare di perfezionarci?

Che cosa volete perfezionare? Voi siete la perfezione; osservate le vostre imperfezioni e ciò che ne risulta è la vostra perfezione. È nella natura del falso volatilizzarsi quando è visto come tale. [...] Notate semplicemente i vostri difetti, questa attenzione se ne farà carico: il vostro corpo, il vostro psichismo, sono frammenti squilibrati di ciò che voi siete, ma ciò che è imperfetto non può che generare imperfezione. Questa constatazione ci invita ad un'accettazione globale, totale. Allora ogni cosa viene percepita in questa totalità, appare e sparisce in essa; da essa attinge la sua realtà e il suo equilibrio. Solo questa posizione sgombra dal passato permette a ciò che si presenta a noi di essere articolato senza l'intervento di un ego, di una persona, senza l'ingerenza deformante della memoria. È in questa unità fondamentale che scopriamo di essere essenzialmente pienezza, gioia ultima, perfezione.

Quale comportamento adottare per conoscere questa libertà?

Esercitarci è spesso legato ad un fine, a un risultato; è un immenso ostacolo. Siate anzitutto consci della vostra mania di voler essere questo o quello. Non c'è nulla da raggiungere, in quanto ciò che cercate è qui e c'è sempre stato. In quel momento la vostra mente, libera da ogni volizione, si pacificherà e il mutamento dell'asse di gravità si sposterà dall'oggetto verso l'ultimo soggetto, il vostro Sé che presentite. Essere vigili, chiaroveggenti, non preoccupati per un avvenire è «istantaneità». Così il tempo è morto, non c'è più attesa. [...] La non-proiezione è pienezza, è gioia. [...]
Rendersi libero nei confronti di ciò che è percepito è il primo passo verso l'esperienza vissuta e si ottiene con l'atteggiamento di accettazione e di constatazione, liberandosi spontaneamente da ogni opposizione, da ogni rifiuto" (pp. 78-81).