Liberarsi della nascita e della morte
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 




Liberarsi della nascita e della morte

Goshū andò da Yui-e, un maestro zen. Gli chiese:
"Ho praticato lo zen per tanti anni, ma non ho raggiunto nulla. Cosa è che sbaglio? Dammi una parola di aiuto".
Allora Yui-e rispose: "Pensi che ci siano dei segreti che io ti possa svelare? Non c'è nulla di nascosto da rivelare. La sola cosa importante è liberarsi della nascita e della morte".
Sbigottito Goshū domandò: "Ma come è possibile liberarsi della nascita e della morte?".
Yui-e dunque, con veemenza, disse: "Ogni tuo pensiero è di passaggio: nasce e poi muore".
Goshū, sentite queste parole, ebbe un'illuminazione e si sentì libero come chi viene alleggerito di un grande peso.

C'è sempre il problema del dualismo, soggiacente ad ogni questione posta da un praticante (non realizzato) ad un maestro (realizzato). Qui è subito chiaro questo elemento: il fatto stesso che Goshū dica a Yui-e di non aver raggiunto nulla, lo pone in un atteggiamento dualistico.
Yui-e invece è tutto tranne che dualista. Dice che non c'è nessun segreto: cioè richiama Goshū alla presenza di se stesso, qui e ora. Tutto è già qui, è questo il problema. Un problema perché questo essere "già tutto qui", è evidente nel modo più assoluto, è così "presente", che Goshū non lo vede, anzi non lo vive. È la solita metafora zen del pesce dentro l'acqua: come fa a realizzare che è immerso nell'acqua?!
Dunque: nessun segreto. Solo una cosa: liberati di nascita e morte. Dice poco! Sì, però se noi facciamo questa obiezione, non centriamo il bersaglio. Facciamo come Goshū: cioè interpretiamo le parole di Yui-e (liberati di nascita e morte) come se descrivessero una situazione improbabile, uno stato d'essere troppo lontano. È questo il dualismo: ritenere che ci sia una condizione umana perfetta da raggiungere, la quale è così lontana dalla nostra situazione, che ci viene da dire: "Liberarsi della vita e della morte? Ma è impossibile!".
E invece - suggerisce Yui-e - è lo stato naturale della mente. È la cosa più semplice di questo mondo. I pensieri vanno e vengono, hanno il loro spazio di vita limitato. Lo sappiamo tutti, è così chiaro! Lo sappiamo, sì; ma abbiamo realizzato questa verità? Nella pratica facciamo questo, nient'altro. Un pensiero và e uno viene, e via di seguito. Tutto è così naturale, quieto, sciolto, fluido. Non c'è nessun blocco, alcuna forzatura, nulla rimane contratto: tutto è aperto e tutto è un lasciar correre, lasciare la presa.
È ovvio che in questa situazione si respira un'aria più tersa, ci si sente veramente più leggeri. È come la pratica meditativa che facciamo da sdraiati: quando lascio andare, sento il mio peso completamente scaricarsi a terra e il mio corpo avvicinarsi ad uno stato di completo abbandono.