la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

La foresta d'eucalipti (Les Murray)

 


La foresta d'eucalipti (Les Murray)


 

Dopo l’ultimo filo lasco ad un paletto,
casa per me è entrar nella foresta.

Quest’antico torpido campo di battaglia: sul terreno
Bucce di corazze, collari crepati, membra.

Nuove piante spuntano dalle vecchie:
limone e ocra dal grigio, dappertutto.

Per miglia, pista ombrosa e pendio di legni duri,
profondità che senza regola inizia a breve, tutt’intorno.

Filtra il cielo, e sempre un che di fumo
Nella luce; della foresta non arrivi mai al cuore.

È come un gran porto di barche da diporto,
d’armamenti infiniti trasmutati in foglie,
di pali avvolti in vele spruzzate,
o chissà quale esercito per secoli rimasto di riserva.

Eucalipti di padule su letto di torrente,
alto ciascuno a causa di ciascuno.
Quel cepponero in fiore è in un bagno d’api
Ma dorme a metà giorno il sangue caldo.
Nella foresta è mezzogiorno l’ora delle streghe.

Il fogliame crea una gora a strati: acqua terrena
Aridamente trattenuta da foglie su foglie biliosamente aggrinzite,
irte, arrotolate come cera.
Lassù ci fan vita sociale i pappagalli.

Soglie di pietra, frantumate da tronchi. Luci non umane.
Enormi ordigni abbandonati. I misteri della foresta.

Ma delizia per me, sui torrenti contrabbandieri d’acqua,
per me salute, sotto candele e pettini di banksia.

Un vento sfrega rami sopra le piste delle tregge;
i monti sono onde nell’oceano della foresta.

Vado per la mia strada, guardando a volte indietro, a volte attorno;
essenze mi sgombrano la mente, e il suono che dall’alto scende.

Perché ho rinnegato le passioni della vita mia? Veder
La folgore che verso l’alto dalla foresta saetta.