So bene che l'«altro» č la morte (Biagio Marin)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


So bene che l'«altro» č la morte (Biagio Marin)


Sč ben che l'«oltro» xe la morte,
che amor de Dio vol dī murī,
rinunsia dolorosa al sol del dģ,
perde la sorte.

Epur traverso i basi,
natura e capimento,
gerani russi cultivąi nei vasi,
hč senpre amąo 'l So gran vento.

Nel niente Dio, l'Amor eterno,
la libertąe che crea,
quela marea
ne la gno vita paradiso e inferno.

Xe ben murī ne la bufera
de le stele che vanpa a miera:
puņ, fora de quel fogo,
'riva al gran zuogo.

 

 

Traduzione:

So bene che l'«altro» č la morte,
che amore di Dio vuol dire morire,
rinuncia dolorosa al sole del giorno,
perdere la sorte.

Eppure attraverso i baci,
natura e conoscenza,
gerani rossi coltivati nei vasi,
ho sempre amato il Suo gran vento.

Nel niente Dio, l'Amore eterno,
la libertą che crea,
quella marea
nella mia vita paradiso e inferno.

Č bene morire nella bufera
delle stelle che vampano a migliaia:
poi, fuori di quel fuoco,
arrivare al grande gioco.