la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 

"Guardare in faccia tutte le cose che vogliamo evitare" (Barry Magid)

 


"Guardare in faccia tutte le cose che vogliamo evitare" (Barry Magid)


Continuiamo a leggere alcuni brani dal testo di Barry Magid, Guida zen per non cercare la felicità:

"Il dualismo fondamentale che dobbiamo affrontare seduti sul nostro cuscino non è una qualche astrazione metafisica, è l'esperienza quanto mai terrestre di una persona divisa contro se stessa all'inseguimento di una fantasia di guarigione. [...] Un lato di una persona fa la guerra all'altro lato [...]. La nostra cosiddetta aspirazione è una maschera che l'odio che proviamo per noi stessi ostenta al mondo, è un sovrapporre una facciata spirituale al nostro conflitto interiore.
[...] Ci vuole molto tempo per abbandonare la nostra pratica segreta e per accettare che non stiamo lì seduti per scappare da qualcosa, ma che siamo lì proprio per guardare in faccia tutte le cose che vogliamo evitare.
[...] Forse il nostro ideale era che la pratica ci avrebbe resi compassionevoli, ed è perciò che cerchiamo di liberarci dell'egocentrismo se non addirittura dei desideri, ma così facendo mettiamo una parte del sé in opposizione a un'altra. Possiamo dire che vogliamo dissolvere il dualismo di soggetto e oggetto, ma è il dualismo dell'odio verso noi stessi quello che dobbiamo davvero combattere: una parte di noi che giudica costantemente un'altra parte, una parte che vuole e cerca all'infinito di distruggere un'altra parte [...]! Il vero succo della pratica comporta imparare a riconoscere tutte queste forme sottili di odio verso se stessi.
[...] «Come sto andando?», o: «Perché la mia mente non diventa calma e silenziosa? Perché continuo a sentire rabbia o ansia?». Osserviamo tutte queste preoccupazioni che si susseguono attraverso la mente, in continuazione. Sempre la stessa manciata di pensieri; una volta riconosciuta la loro natura ripetitiva possono diventare molto noiosi. In realtà annoiarsi è una grossa parte della pratica; dobbiamo sentir noia delle nostre preoccupazioni. Dobbiamo esserne stufi, e quando questo avviene possiamo semplicemente cominciare a lasciarle stare. È questo che succede a tutti quei pensieri giudicanti: non li cacciamo via una volta per tutte, semplicemente non ci proponiamo di sbarazzarci del nostro lato giudicante. [...]
Non dobbiamo neppure scacciar via le nostre preoccupazioni; diventano soltanto una delle tante cose che accadono [...]. Sono soltanto cose che se ne stanno lì agli angoli della mente, non occupano più il centro del nostro universo.
[...] Scopriamo il fondamentale paradosso della pratica: lasciare stare tutto così com'è è di per sé la cosa più trasformativa. [...] La pratica in realtà mette fine all'automiglioramento. Ma è molto difficile convivere con quel senso di non aver bisogno di fare nulla, [...] è difficile non fare proprio niente. Di conitnuo sorvegliamo la mente, cercando di evitare o di aggiustare, di aggiustare o di evitare. [...] La cosa più difficile da fare è lasciare che la mente sia così com'è.
[...] La nostra pratica fluisce naturalmente attraverso alcuni stadi differenti. Nel primo stadio ci interessiamo primariamente della nostra esperienza privata della meditazione seduta. Possiamo concentrarci sulle difficoltà fisiche, [...] o sulle difficoltà psicologiche [...]. Oppure, via via che ci stabilizziamo nella pratica, lo zazen può diventare fonte di vari tipi di piacere. Possiamo usarlo per calmare o rilassare la mente [...]. Forse possiamo anche sperimentare momenti di intensa gioia. Naturalmente non c'è nulla di sbagliato in nessuno di questi sentimenti. [...] A questo stadio possiamo sentire che la nostra pratica segreta sta veramente funzionando, e che stiamo cominciando a ottenere dalla pratica tutte le cose che ci hanno spinto a intraprenderla.
[...] Anche chi ha meditato per anni e anni può fissarsi nella preoccupazione per i propri successi meditativi, o continuare in segreto a usare la pratica al servizio della coltivazione di questo o quello stato interiore. Anche così non c'è niente di male. solo che non è tutto qui.
Usciamo da questa fase quando [...] cominciamo a lasciare che la pratica vada contro la tendenza della nostra pratica segreta, invece di cercare sempre di colludere con essa. Impariamo a concentrarci non tanto sul modo in cui la vita ci tratta, ma sul modo in cui noi rispondiamo alla vita. [...] Cominciamo a sentire cosa significa essere aperti al mondo invece di cercare sempre di imporre al mondo i nostri desideri" (pp. 20-24).