"Non esiste alcuno stato che non si questo vasto stato di presenza" (Longchenpa)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 

 

"Non esiste alcuno stato che non sia questo vasto stato di presenza" (Longchenpa)

 

Leggiamo oggi dal testo di Longchenpa La nave preziosa: guida al significato della pura e totale presenza, l'energia creativa dell'universo:

"Riconosci che lo stato della pura e totale presenza è una vasta dimensione senza centro né confini.
È dovunque uguale, non accetta né rifiuta alcunché.
Unisci la natura della mente e i suoi processi abituali in una condizione al di là del dualismo
Poiché i fenomeni, concepiti soggettivamente o sperimentati direttamente,
si presentano come ornamenti dello stato primordiale,
non accettarli né respingerli. [...]
Gli oggetti presenti che appaiono spontaneamente
sono manifestazioni della pura esperienza. [...]
Tutto ciò che esiste e appare
Si manifesta nello spazio della realtà non nata. [...]
Riconosci che tutto ciò che si pensa o di cui ci si occupa
è la sostanza del principio d'ordine non nato. [...]

Abìtuati al fatto che tutto quanto accettiamo o rifiutiamo e affermiamo o neghiamo con atteggiamento dualistico (piacere e disgusto, felicità e frustrazione, bello e brutto, paura e sicurezza, malattia e salute, nemici e amici, amore e odio, e così via) ha un unico sapore: in questo modo i giudizi si capovolgeranno. [...]

Non creare il dualismo dallo stato unico.
Felicità e sofferenza sono un'unica cosa nella presenza pura e totale.
I Buddha e gli esseri sono la stessa cosa nella natura della mente.
I fenomeni e gli esseri, l'ambiente e chi ci vive, in realtà sono la stessa cosa.
Anche gli opposti vero e falso sono in realtà la stessa cosa.
Non aggrapparti alla felicità, non respingere la sofferenza.
In questo modo tutto si realizza. [...]
La virtù e il suo opposto, l'accettazione e il rifiuto, il bello e il brutto, il grande e il piccolo
sono la stessa cosa nella presenza pura e totale [...]
Non opporti a quel che fai
perché fare e non fare sono non nati.
Sapendo questo, tutto ciò che fai è la realtà non nata. [...]
Anche i cinque oggetti del desiderio vanno intesi come pura e totale presenza.
I cinque oggetti del desiderio e dell'avversione sono anch'essi pura e totale presenza. [...]
Tutto ciò che fai o ciò che appare,
lascialo nel suo stato naturale, senza premeditazione.
Questa è la vera libertà. [...]
Il presente stato naturale della contemplazione
sorge dimorando nella spontaneità. [...]
Non esiste alcuno stato che non sia questo vasto stato di presenza.
Esso è la dimora e la sede di tutto. [...]
Qui non è necessario progredire gradualmente né purificare alcunché. [...]
Ascolta! Poiché la natura della mente è spontaneamente perfetta,
io non insegno la perfezione e la non perfezione.
Non discriminare tra piacere e ansietà.
Sii libero dalla speranza del nirvana e dalla paura del samsara. [...]

La meditazione è la chiarezza intrinseca che libera tutto ciò che sorge; il modo di vivere è un flusso dinamico e continuo; il risultato è la non dualità di speranza e paura. [...]
Quando sorge la pura presenza priva di pregiudizi e di parzialità che non corregge le apparenze, resta nello stato della chiarezza e seguine il flusso continuo senza distrarti" (pp. 45-53).