"Io sono l'esperienza" (Bruce Lee)
la meditazione come via
tra vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

tantra

gli esercizi

testi

poesie

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"Io sono l'esperienza" (Bruce Lee)


Abbiamo letto qualche brano da Il Tao del Dragone. Verso la liberazione del corpo e dell'anima di Bruce Lee, molto famoso come attore e maestro di kung fu, meno come pensatore:

“La filosofia non sta «vivendo» […].
Nella vita accettiamo naturalmente la piena realtà di ciò che vediamo e sentiamo […]. La filosofia, invece, non accetta quello che la vita accetta; cerca di trasformare la realtà in un problema. […] La filosofia complica la realtà rimpiazzando la serenità del mondo con problemi senza fine. È come chiedere a una persona normale in che modo sta effettivamente respirando! Questa domanda ha l’effetto di «spezzare» il respiro quando la persona ne descrive coscientemente il processo. […]
Quando arriviamo al nucleo, le parti opposte sono la medesima cosa se vengono viste dal centro di un cerchio […]. Io non faccio esperienza di qualcosa; io sono l’esperienza. Io sono la consapevolezza. […]
Quindi noi non sudiamo perché fa caldo; il fatto di sudare è il caldo. […]
Il maestro Lin-Chi della dinastia T’ang affermò: «Sii semplicemente normale, per niente speciale. […]» Una persona non vive una vita definita in modo concettuale o scientifico, perché la qualità essenziale della vita vissuta consiste semplicemente nel viverla. Se sei nel bel mezzo del divertimento, non lo puoi interrompere fermandoti per un momento a esaminarti e a vedere se stai traendo il massimo da quella occasione. Lo fai se non sei soddisfatto […].
Si esiste quando si lascia vivere la vita attraverso di noi, liberi nel suo flusso, perché colui che sta vivendo non è conscio di vivere e proprio in questo risiede la vita che lui sta vivendo. La vita vive; e nel flusso dell’esistenza non si sollevano questioni. […] La completezza, l’adesso, è assenza della mente conscia che cerca di dividere quanto è indivisibile. […] Quindi, per vivere una vita in modo autentico, la risposta è che la vita, semplicemente, è. […]

Esistono il qui e l’ora e per comprenderli c’è bisogno soltanto di una cosa: l’apertura, la libertà – la libertà di essere aperti e non limitati da alcuna idea, concetto e via dicendo. Possiamo continuare a provare, ripetere, analizzare, seguire lezioni fino a diventare pallidi dalla stanchezza, ma tutto questo non servirà a molto. Sarà solo quando smetteremo di pensare e ci lasceremo andare che potremo cominciare a vedere e a scoprire. Se la nostra mente è tranquilla, ci sarà una pausa accidentale tra le sue febbrili attività, ci sarà un momento in cui ci si lascia andare, e sarà solo in quell’istante, nell’intervallo tra due pensieri, che un lampo di comprensione – che non equivale al pensiero – potrà avere luogo” (pp. 53-75).