JosÚ (Carlos Drummond de Andrade)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


JosÚ (Carlos Drummond de Andrade)


In questa poesia (di un grande poeta brasiliano, morto nel 1987) JosÚ Ŕ ci˛ che Ŕ, al di lÓ dei sentimenti passeggeri, dei pensieri mutevoli, delle situazioni contingenti, degli stati d'animo indotti, delle conferme sociali, ecc. Chi Ŕ JosÚ?

 

E ora, JosÚ?
La festa Ŕ finita,
la luce si Ŕ spenta,
la gente Ŕ partita,
la notte Ŕ ghiacciata,
e ora, JosÚ?
e ora, che Ŕ di te?
di te che non hai nome,
che prendi in giro gli altri,
di te che fai versi,
che ami, protesti?
e ora, JosÚ?

Sei senza una donna,
sei senza discorso,
senza tenerezza,
ora non puoi pi¨ bere,
non puoi pi¨ fumare,
non puoi neppure sputare,
la notte Ŕ ghiacciata,
non Ŕ arrivato il giorno,
non Ŕ arrivato il tram,
non Ŕ arrivato il riso,
nemmeno l'utopia
e tutto Ŕ finito
e tutto si Ŕ ammuffito,
e ora, JosÚ?

E ora, JosÚ?
La tua dolce parola,
la gola, la dieta,
il tuo istante di febbre,
la tua biblioteca,
il tuo giacimento d'oro,
il tuo vestito di vetro,
la tua incoerenza,
il tuo odio: e ora?

La chiave nella mano,
tenti aprire la porta,
non esiste porta;
vuoi morire nel mare,
ma il mare Ŕ seccato:
vuoi ritornare a Minas,
Minas non c'Ŕ pi¨.
JosÚ, e ora?

Magari tu gridassi,
magari tu piangessi,
magari tu suonassi
il valzer viennese,
magari tu dormissi,
magari ti stancassi,
magari tu morissi...
Ma tu non muori,
tu sei duro, JosÚ!

Solo nell'oscuritÓ,
come un animale selvatico,
senza teogonia,
senza parete nuda
alla quale appoggiarti,
senza cavallo nero,
la gola e la dieta,
tu avanzi, JosÚ!
Verso dove, JosÚ!