"Che diventino indifesi come bambini" (Andrej Tarkovskij)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

"Che diventino indifesi come bambini" (Andrej Tarkovskij)


Tratto dal film Stalker (1979) di Andrej Tarkovskij:

"Che diventino indifesi come bambini, perché la debolezza è potenza e la forza è niente.
Quando l'uomo nasce, è debole e duttile. Quando muore, è forte e rigido. Così come l'albero: mentre cresce è tenero e flessibile. E quando è duro e secco, muore.
Rigidità e forza sono compagni della morte. Debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell'esistenza. 
Ciò che si è irrigidito non vincerà".