Il comportamento (Giorgio Gaber)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Il comportamento (Giorgio Gaber)


Una canzone sulle etichette che ci autoimponiamo, per convenzione, per comoditÓ, per strategia e che scambiamo per definizioni della nostra identitÓ. Mentre invece - come dice l'ultimo verso - siamo nella nostra essenza, niente.


Mio nonno Ŕ sempre mio nonno
Ŕ sempre Ambrogio in ogni momento
voglio dire che non ha problemi
di comportamento.
Io non assomiglio ad Ambrogio
l'interezza non Ŕ il mio forte
per essere a mio agio
ho bisogno di una parte.

Per esempio, quando sto in campagna
ed accendo il fuoco nel camino
lentamente raccolgo la legna
e mi muovo come un contadino.

Quando in treno incontro una donna
io m'invento serio e riservato
faccio quello che parla poco
ma c'ha dietro tutto un passato.

E se mi viene bene, se la parte mi funziona
allora mi sembra di essere una persona.

Qualche volta metto il mio giaccone
grigioverde tipo guerrigliero
e ci metto dentro il mio corpo
e giÓ che ci sono anche il mio pensiero.

Quando invece sto leggendo Hegel
mi concentro, sono tutto preso
non da Hegel, naturalmente
ma dal mio fascino di studioso.

E se mi viene bene, se la parte mi funziona
allora mi sembra di essere una persona.

Mio nonno si Ŕ scelto una parte
che non cambia in ogni momento
voglio dire che c'ha un solo comportamento.
Io invece ho sempre bisogno
di una nuova definizione
e gli altri fanno lo stesso
Ŕ una tacita convenzione.

Non ne posso pi¨ di recitare
di fingere per darmi un tono
io mi mostro senza pudore
pur di essere quel che sono.

E se mi viene bene, se la parte mi funziona
allora mi sembra di essere una persona.

Se un giorno noi cercassimo chi siamo veramente
ho il sospetto che non troveremmo niente.