Dal molo di Brighton (Christmas Humphreys)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Dal molo di Brighton (Christmas Humphreys)


Curvo sul molo di Brighton.
Osservo le onde salire e ricadere
E ciascuna è prodotta dall'altra.
Su questa vedo improvvisamente danzare
Una spuma d'acqua biancoazzurra
Felicemente e senza scopo sul mare indifferenziato.
Nella forma, nelle dimensioni e nel colore
Ha una sua bellezza. Muore, dissolve
La sua umidità, il suo colore biancoazzurro,
Tutto il suo sé è ritornato
Alla vastità indifferenziata.

Che cosa l'ha fatta così,
Quale mescolanza di marea lunare e spinta oceanica,
E nomade cielo ventoso ha forgiato una volta
Con incertezza fusa di potere
Quella piccola onda accesa di sole su un mare danzante?
E io, che meditando osservo,
Da dove provengo io?
Un milione di momenti, nati da Nulla,
E tale essendo, proprio questo io sono.

Ma chi è che parla così?
Che insieme guarda chi osserva e il mare?
Costui conosce nome e forma della piccola onda;
Contento e felicemente diffuso
Sa che egli stesso non è una cosa separata.
Allora da dove viene il mare?

Non importa; nella mente liberata
Non c'è nessuna onda che danza in nessun mare!
Nessun Sé per dire a nessun sé che non sarà!
Solo il molo danzante, l'onda felice e me!