"I movimenti inutili della nostra vita quotidiana" (G.I. Guedjieff)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 


 

"I movimenti inutili della nostra vita quotidiana" (G.I. Guedjieff)


Anche oggi abbiamo letto alcuni brani tratti da Vedute sul mondo reale di G.I. Gurdjieff:
 

"Ciò che conta è imparare a non dipendere dalle associazioni. [...]

Uno dei principali fattori responsabili dello spreco d'energia, è rappresentato da tutti i movimenti inutili della nostra vita quotidiana. [...]

Ogni tensione richiede energia. In assenza di tensione, si riduce il consumo di energia. [...]
Se un uomo è affetto da tensioni croniche, allora, pur non facendo niente, pur standosene lungo disteso, consuma più energia di un uomo che lavora fisicamente tutto il giorno. Invece, un uomo esente da queste piccole tensioni croniche, quando riposa o sta fermo, non spreca alcuna energia.

Adesso chiediamoci: quanti tra noi sono immuni da questa terribile malattia? [...] Ebbene, quasi tutti abbiamo questa deliziosa abitudine. [...]

Bisogna imparare a ogni costo a non essere tesi, quando la tensione non è necessaria. Quando siete seduti senza far niente, lasciate dormire il vostro corpo. Quando dormite, fate in modo di dormire con la totalità di voi stessi.

L'esaurirsi della carica può essere accelerato o rallentato. [...] L'unica cosa praticabile è il risparmio.

Il tempo è proporzionale al flusso delle associazioni [...]. Come esempio, ricordatevi quelle volte in cui ve ne state seduti a casa vostra, tranquilli; siete convinti di esser rimasti seduti per cinque minuti, ma l'orologio vi ricorda che è già passata un'ora. Un'altra volta, invece, state aspettando qualcuno per strada e siete seccati perché non arriva. Vi sembra di essere lì da un'ora, e invece sono passati solo cinque minuti: il motivo è dovuto al fatto che, in quei pochi minuti, avete avuto molte associazioni. Pensavate: «Perché non viene? Avrà avuto un incidente?» e così via. [...]

Il tempo è soggettivo, dipende dalle associazioni" (pp. 106-123).

 

La nostra mente è una prigione. Il dialogo interiore incessante è il continuo saltare da un pensiero all'altro attraverso il meccanismo dell'associazione. L'ininterrotto pensiero associativo non permette alla mente di conocere mai la sua quiete, di affondare in quello spazio vuoto che la sostiene, in cui è da sempre immersa, che la abita nascostamente.
Quando solitamente e banalmente si dice che il tempo passa più velocemente quando si è in momenti lieti e invece assai lento quando si vivono esperienze difficili, spiacevoli, dure, si scorda spesso la verità più fondante di questa constatazione, cioè che non è la piacevolezza o meno dell'esperienza che incide sulla nostra personale sensazione della temporalità, ma - più precisamente - la quantità di associazioni mentali inappropriate (di fuga, di rigetto, di scontro con il qui e ora). È esperienza di tutti che i momenti di splendore, di bellezza, di amore, di pace sono accompagnati da un alleggerimento dei flussi mentali, quasi come se la mente avesse necessità di fare spazio in sé per ricevere la stupenda totalità dell'attimo presente. E proprio questo meccanismo dilata il tempo alla sua infinità.
Questo vortice di energie dissipate ci stanca, ci svuota di quel vuoto originario che andrebbe cautelato, protetto, custodito. Energie che consistono anche in contrazioni del nostro corpo del tutto inutili, inappropriate. Il nostro stato di inconsapevolezza non ci rende attenti alla vita ordinaria e completamente inquinata del nostro corpo. La frase di Gurdjieff: "Bisogna imparare a ogni costo a non essere tesi, quando la tensione non è necessaria" dovrebbe essere un mantra mentale cui tornare più e più volte. Le nostre azioni - dalle più semplici alle più complesse - sono ogni volta strutturate su un uso del corpo che sempre lo induce a contrarsi là dove non è necessario, in quei muscoli che non competono all'azione che si sta compiendo, come pure a un uso eccessivo di quei muscoli che pur essendo necessari a quel particolare movimento, non avrebbero però la necessità di contrarsi così fortemente come accade. Su tutto questo sarebbe necessario un sottile lavoro quotidiano.