"Ora di Grazia" di Guido Gozzano
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 




Ora di grazia
(Guido Gozzano)

Son nato ieri che mi sbigottisce
il carabo1 fuggente, e mi trastullo
della cetonia2 risopita sullo
stame, dell'erba, delle pietre lisce?

E quel velario azzurro tutto a strisce,
si chiama «cielo»? E «monti» questo brullo?
Oggi il mio cuore è quello d'un fanciullo,
se pur la tempia già s'impoverisce.

Non la voce così dell'Infinito,
né mai così la verità del Tutto
sentii levando verso i cieli puri

la maschera del volto sbigottito:
«Nulla s'acquista e nulla va distrutto:
o eternità dei secoli futuri!».


1 Tipo di coleottero.
2 Altro tipo di coleottero.


Questa poesia del noto poeta italiano di inizio novecento sembra indicare una sorta di realizzazione, uno stato nel quale la realtà appare del tutto nuova, con le conseguenti emozioni di sbigottimento e felice stupore.
E poi: Nulla s'acquista...