Il discorso della gentilezza amorevole (Buddha)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 

 


Il discorso della gentilezza amorevole (Buddha)


Il giovedì di questa settimana abbiamo letto il seguente brano tratto da un discorso del Buddha:

"Questo è quanto deve essere fatto da colui che è abile nel rispetto del bene
avendo ottenuto la condizione di pace:
sia egli valente, retto, integro,
dal cortese eloquio, gentile e non arrogante.

Sia soddisfatto e parco,
sia frugale e abbia pochi obblighi,
abbia i sensi quieti e sia maturo,
non sia impudente e non abbia avido desiderio quando questua nelle famiglie.

Non commetta alcuna vile azione
per cui altri saggi possano biasimarlo.
Possano tutte le creature essere felici ed in pace,
che la loro mente sia felice.

Che qualsiasi creatura,
sia essa mobile o immobile, senza eccezione,
lunga, grande,
media o corta, minuscola o corpulenta,

visibile o invisibile,
che viva vicino o lontano,
già nata o in procinto di nascere,
che tutte queste creature - dico - abbiano una mente felice.

Che nessuno mortifichi l'altro,
che nessuno, in qualsivoglia situazione, disprezzi l'altro,
che nessuno, per collera o risentimento,
desideri il male dell'altro.

Così come una madre difende suo figlio,
il suo unico figlio, a costo della vita,
allo stesso modo, nei riguardi di tutte le creature,
si deve sviluppare un'illimitata attenzione mentale
e una gentilezza amorevole per tutto il mondo.
Sviluppi un'illimitata attenzione mentale,
diretto verso ogni plaga,
senza alcun impedimento, senza inimicizia, senza rivalità.

Quando sta in piedi, cammina o è seduto,
quando giace fino a che non si addormenta,
sia ben risoluto nella consapevolezza:
tale condizione è detta divina, in questo mondo.

Non aderendo ad alcuna opinione,
virtuoso ed in possesso della visione interiore,
eliminando la brama dei piaceri sensuali,
mai più invero entrerà in un grembo materno".

(Suttanipata, 143-152)


Consapevolezza del respiro.
Camminata.
Consapevolezza, da seduti, dei diversi micro-movimenti del corpo.
Sempre da seduti, abbandono delle tensioni e delle contrazioni muscolari inutili.
Consapevolezza, da sdraiati, del peso che si scarica a terra.
Zazen

A conclusione della lezione del lunedì abbiamo letto e commentato un altro brano tratto dal Denkoroku (clicca qui).