Estratti dai dialoghi dal film Perché Bodhidharma è partito per l'Oriente?
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 



Estratti dai dialoghi dal film Perché Bodhidharma è partito per l'Oriente?


Al discepolo, che gli chiedeva della verità, egli mostrò un fiore, senza parlare. (Testo d'inizio del film).

Hyegok, il Maestro Zen: Non c'è né un inizio, né una fine. Esistono però sostanze invariabili. Tutto si trasforma. Ciò che non è nato, non può morire...

Haejin: Perché noi tutti ci siamo ritirati dal mondo? Kibong: Perché nel mondo non c'è pace e il cuore non è libero.

Haejin: Perché?

Hyegok: Perché il cuore dell'uomo non è abbastanza grande per poter contenere tutte le cose di questo mondo. Gli uomini possiedono un cuore sufficientemente grande, ma è riempito dalla loro rappresentazione di se stessi.

Secondo discepolo: Egli abbandonò il palazzo del re e andò da solo nel bosco. Questa partenza, avvenuta in un giorno di oltre 2500 anni fa, non era una fuga dal mondo. Quand'egli ebbe superato il tempo, fece ritorno dagli uomini. Egli non è andato via; è tornato da noi tutti... Lo sa, che lui è andato per tornare da tutti noi? Assetato della perfezione dell'altra sponda, divenni eremita, per liberarmi dalla polvere e dalle contaminazioni del mondo; capii, però, che questo era possibile solamente se avessi amato l'infamia, la polvere, lo sporco e persino i dolori della vita. Dovevo capire ogni essenza.
Se è difficile ribellarmi alla realtà e al destino, quant'è difficile, poi, amarli. Eppure, com'è bello il mondo per colui che capisce di amarli! In alcun modo il mondo è imperfetto; io credo che l'imperfezione stia tutta nel nostro linguaggio, nel nostro sapere, nella nostra coscienza.
L'illuminazione non è, forse, un sogno?
Ho abbandonato il mondo, perché ad esso credevo; ma se considero le cose che ho sacrificato, esse mi appaiono piene di rancore ed ho paura di cadere nell'inferno dei rimorsi di coscienza.
Salvare le creature? Che cosa significa? Questo che cosa vuol dire per tutti quelli che hanno abbandonato padre, madre, moglie e figli, perché credono nell'illuminazione? Chi è Buddha? Chi non è Buddha? Non si dice, forse, ch'egli non sia né Buddha, né creatura umana? Ritorno nel mondo, e nel vortice dell'esistenza!

Hyegok: I corpi, che sono stati richiamati al Nulla, danzano in un'armonia di suoni e colori, come bolle di sapone. È sogno o realtà?

Hyegok: Se liberi la luna, che è nascosta in te, essa illuminerà cielo e terra, e la sua luce caccerà via le ombre dell'universo. Se tu capisci questa cosa soltanto, allora capirai tutte le cose.

Hyegok: All'inizio questo cortile era vuoto, e quando il sogno finì, giunse l'illuminazione. Oggi è luna piena; ci sarà chiarore; ma tuttavia, state attenti a non farvi fuorviare.

    Oggi è luna piena...
    La luna cala dietro la montagna scura...
    Perché si deve aspettare così a lungo?
    L'universo è immerso nelle tenebre;
    accendi lo stoppino del tuo cuore, che t'illumini il cammino.