"Tutto il tuo essere deve annullarsi": un altro brano di Meister Eckhart
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 




"Tutto il tuo essere deve annullarsi": un altro brano di Meister Eckhart

Un brano tratto da una poesia di Meister Eckhart dal titolo 'Il cantico della Trinit' (nota anche come 'Il grano di senape'):

"La montagna del punto
sali senza opere,
intelligenza!
La via ti conduce
in un mirabile deserto,
che ampio e spazioso,
sconfinato si estende.
Il deserto non ha
n tempo n luogo,
ma un modo che suo soltanto.

Questo Bene deserto
mai piede ha calcato;
intelletto creato
mai lo ha raggiunto.
, ma nessuno sa cosa .
qui, l
lontano, vicino
profondo, alto,
e dunque cos
che non n questo n quello.

luminoso e chiaro,
completa tenebra,
senza nome,
sconosciuto,
senza inizio n fine,
se ne sta in pace,
nudo, senza veste.
Chi conosce la sua dimora?
Venga da l
e ci dica qual la sua forma.

Diventa come un bimbo,
diventa sordo, diventa cieco!
Tutto il tuo essere
deve annullarsi,
allontana ogni qualcosa e ogni nulla!
Lascia il luogo, lascia il tempo,
e anche le immagini!
Procedi senza strada
sullo stretto sentiero
e troverai la traccia del deserto.

O anima mia,
esci, che Dio entri!
Affonda tutto il mio qualcosa
nel nulla divino,
affonda nel flutto senza fondo!
Se fuggo da te,
tu vieni a me.
Se perdo me,
io trovo te,
o Bene al di sopra dell'essere!"

Un testo, come tanti in Eckhart, molto in sintonia con l'idea del vuoto su cui lavoriamo durante la pratica meditativa. Farsi semplici, spogliarsi, svuotarsi, perdersi: accedere a quel silenzio originario, desertico, fonte di ogni pienezza. L'abbandonarsi non per cadere, ma per ritrovarsi; il ritrovarsi come rigenerazione; la rigenerazione come scoperta dell'antico S, non come riaffermazione del solipsistico, egocentrico 'io'.