L'abbandono della volontà personale: un brano di Meister Eckhart
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 




L'abbandono della volontà personale: un brano di Meister Eckhart

Abbiamo letto un brano dalle 'Istruzioni spirituali' (cap. 3) di questo grande mistico cattolico del XIII secolo.

"Gli uomini dicono: «Ah! Signore, davvero vorrei essere in buon rapporto, in devozione e in pace con Dio (...)», oppure: «Non sarei sereno a meno di essere qui o là, o di fare questo o quello; devo vivere in terra straniera, o in eremitaggio, o in un monastero». 
In verità, in ciò sta il tuo io, e null'altro. È la tua ostinata volontà personale (...): mai sorge in te l'inquietudine senza che ciò derivi dalla tua volontà personale (...). Quando pensi che si debbano fuggire certe cose e ricercarne altre, certi luoghi o certe persone, certi modi d'essere o certe opere, ciò non avviene perchè tali cose o tali modi ti ostacolino, ma perché tu stesso ti sei di ostacolo nelle cose, non avendo un corretto rapporto con esse.
Perciò devi cominciare da te stesso e abbandonare te stesso. In verità, se non fuggi prima te stesso, dovunque tu fugga troverai ostacoli e inquietudine. Chi cerca la pace (...) deve prima di tutto abbandonare se stesso: così abbandona tutte le cose.
In verità, se un uomo abbandonasse un regno o il mondo intero e mantenesse se stesso, non avrebbe abbandonato proprio nulla. (...) Soltanto chi abbandona la propria volontà e se stesso, ha abbandonato davvero tutte le cose (...). Poichè solo ciò che non vuoi più neppur desiderare, tu lo hai veramente lasciato e abbandonato per amor di Dio. Per questo Nostro Signore dice: «Beati i poveri in ispirito», ossia nella loro volontà. (...) «Chi vuole seguirmi, rinunci prima a se stesso». Tutto dipende da questo. Vigila dunque su di te, e non appena trovi te stesso, rinuncia al tuo io".