Consapevolezza dentro e fuori: un brano di Paulo Coelho
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 




Consapevolezza dentro e fuori: un brano di Paulo Coelho

Si tratta di una pagina tratta dal celebre L'alchimista di Paulo Coelho. Vi si parla del segreto della consapevolezza come stato d'essere di mezzo: cioŔ una condizione nella quale l'attenzione al mondo e quella rivolta all'interno non si oppongono, ma coesistono. L'alternativa sarebbe infatti o l'impossibilitÓ di avere un contatto pieno con la realtÓ (e con la sua bellezza autentica), oppure divenire ostaggi inconsapevoli della moltitudine e della varietÓ delle cose, degli eventi, del caos.

"Un mercante, una volta, mand˛ il figlio ad apprendere il segreto della felicitÓ dal pi¨ saggio di tutti gli uomini. Il ragazzo vag˛ per quaranta giorni nel deserto, finchÚ giunse a un meraviglioso castello in cima a una montagna. LÓ viveva il Saggio che il ragazzo cercava.
Invece di trovare un sant'uomo, per˛, il nostro eroe entr˛ in una sala dove regnava un'attivitÓ frenetica: mercanti che entravano e uscivano, ovunque gruppetti che parlavano, una orchestrina che suonava dolci melodie. E c'era una tavola imbandita con i pi¨ deliziosi piatti di quella regione del mondo. Il Saggio parlava con tutti, e il ragazzo dovette attendere due ore prima che arrivasse il suo turno per essere ricevuto.
Il Saggio ascolt˛ attentamente il motivo della visita, ma disse al ragazzo che in quel momento non aveva tempo per spiegargli il segreto della felicitÓ. Gli suggerý di fare un giro per il palazzo e di tornare dopo due ore.
Nel frattempo, voglio chiederti un favore, concluse il Saggio, consegnandogli un cucchiaino da tŔ su cui vers˛ due gocce d'olio. Mentre cammini, porta questo cucchiaino senza versare l'olio.
Il ragazzo cominci˛ a salire e scendere le scalinate del palazzo, sempre tenendo gli occhi fissi sul cucchiaino. In capo a due ore, ritorn˛ al cospetto del Saggio.
Allora, gli domand˛ questi, hai visto gli arazzi della Persia che si trovano nella mia sala da pranzo? Hai visto i giardini che il Maestro dei Giardinieri ha impiegato dieci anni a creare? Hai notato le belle pergamene della mia biblioteca?'
Il ragazzo, vergognandosi, confess˛ di non avere visto niente. La sua unica preoccupazione era stata quella di non versare le gocce d'olio che il Saggio gli aveva affidato.
Ebbene, allora torna indietro e guarda le meraviglie del mio mondo, disse il Saggio. Non puoi fidarti di un uomo se non conosci la sua casa.
Tranquillizzato, il ragazzo prese il cucchiaino e di nuovo si mise a passeggiare per il palazzo, questa volta osservando tutte le opere d'arte appese al soffitto e alle pareti. Not˛ i giardini, le montagne circostanti, la delicatezza dei fiori, la raffinatezza con cui ogni opera d'arte disposta al proprio posto. Di ritorno al cospetto del Saggio, riferý particolareggiatamente su tutto quello che aveva visto.
Ma dove sono le due gocce d'olio che ti ho affidato? domand˛ il Saggio.
Guardando il cucchiaino, il ragazzo si accorse di averle versate.
Ebbene, questo Ŕ l'unico consiglio che ho da darti, concluse il pi¨ Saggio dei saggi.
Il segreto della felicitÓ consiste nel guardare tutte le meraviglie del mondo senza dimenticare le due gocce d'olio nel cucchiaino".