Di primavera in barca sul fiume Ju-yeh (Chi-wu Ch’ien)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


Di primavera in barca sul fiume Ju-yeh (Chi-wu Ch’ien)


Richiamo del profondo sempre senza fine,
ecco io vengo, ti seguo senza meta.
Č sera, il vento, un soffio, spinge la barca,
per fiorito sentiero entro nel fiume.

Al calar della notte volgo nella valle dell’ovest,
chiuso dai monti, vedo in alto le stelle dell’orsa.
Dagli stagni fumose nebbie volano, s’addensano,
tra selve la luna discende, m’insegue.

Le cose del mondo vanno nell’eterno fluire:
io voglio essere un vecchio che rimane a pescare.