La patria (Patrizia Cavalli)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 


 

La patria (Patrizia Cavalli)


Io non mi fido di chi non ha l'olfatto 
di chi se ne sta buono con l'albero magique. 
Di chi può ingurgitare orribili sapori, 
e non in quanto orribili, ma perchè insapori. 
Non mi fido di chi subisce senza 
farci caso l'atrocità di inutili 
rumori, o di chi al tocco scambia 
la canapa col raso. Non mi fido 
di chi non vede quanto è brutta Roma 
a altezza d'uomo, né di chiunque monco 
dei suoi residui sensi, si affida fiacco 
a preordinati assensi. 
Per quanto io li senta vacillanti, 
spersi e sfiniti da un sempre più perfetto 
dispositivo il cui unico scopo 
è renderli inattivi, io li ringrazio 
se ancora mi forniscono 
ripulse e inclinazioni:in queste io confido 
se voglio riconoscere ciò che mi è dolce patria 
fra tutto quello cha da lei mi espatria, 
che della sua esistenza, per quanto 
intermittente, non ho altra garanzia.