un campo verde e vasto (Fernando Pessoa)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


un campo verde e vasto (Fernando Pessoa)


un campo verde e vasto,
solitario senza sapere,
pascolo di libere bestie,
senza acque a correre.

Solo campo, solo quiete,
solo solitudine taciuta.
Lo guardo, e nulla nego
e non affermo nulla.

Qui in me mi esalto
nel mio fedele torpore.
Il bene poco e falso,
il male sbaglio e dolore.

Agire non aver casa.
Pensare nulla avere.
Qui n luci n ali
n ragione per averne.

E un vago sonno scende
solo perch non ha ragione
e il mondo esterno si dimentica
alla vista e al cuore.

Torpore che si diffonde e eccede
il campo e le bestie e il vedere.
L'anima nulla chiede
n il corpo vuole nulla.

Felice sapore di nulla.
Ignoranza del mondo,
qui senza porto o strada,
n orizzonte al fondo.