"L'unico a intromettersi fra te stesso e il ricordo di sé sei tu" (Robert Earl Burton)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 


 

"L'unico a intromettersi fra te stesso e il ricordo di sé sei tu" (Robert Earl Burton)


Continuiamo a leggere da Il ricordo di sé di Robert Earl Burton:

"Non è facile parlare del ricordo di sé, poiché nella sua forma più alta è un processo non verbale. [...]Tutti abbiamo fatto l'esperienza di ricordare noi stessi [...]. Mentre uno ricorda se stesso, sta nel contempo creando il proprio sé [...]. Le nostre vite si compongono di tanti momenti ordinari, tanti comuni miracoli. Gran parte del ricordo di sé consiste nel riconoscere ciò che di sublime vi è nell'ordinario. Dobbiamo ricordarci di apprezzare la natura semplice, non declamata del ricordo di sé. [...]
Uno dei modi migliori per lavorare sul ricordo di sé è di liberarsi da tutto ciò che non lo è. [...]
Omar Khayyam disse: «Una cosa è certa... e il resto è menzogna». Il ricordo di sé è l'eterna verità che con maestria affronta l'eterna bugia.
[...] Siamo abituati all'irreale. Gurdjieff intitolò una delle sue ultime opere La vita è reale solo quando «Io sono». Per noi e per lui, ciò significa che la vita è reale solo quando si ricorda se stessi. [...]
Ricorda te stesso un poco per volta.
Se stai ricordando te stesso senza che gli altri se ne accorgano, vuol dire che lo stai facendo con successo. Se la falsa personalità recita come fosse ricordo di sé, stai svalorizzando te stesso.
Generalmente la natura umana non sa vedere l'ovvio [...].
Uno stato neutrale non è una condizione vegetativa, ma uno stato di non attaccamento che rifugge dall'immaginazione; è uno stato di ricordo di sé. I momenti della nostra vita di cui conserviamo un ricordo vivido sono momenti di ricordo di sé. [...]
Potete ricordare voi stessi di più se non desiderate che il momento sia diverso da quello che è.
Il ricordo di sé è la ricompensa di se stesso. È un processo immortale, non annunciato con clamore, né sensazionale. Ogniqualvolta ricordate voi stessi producete un bagliore di eternità che non morirà, mentre tutto ciò che è fisico è destinato a morire. [...]
A proposito della scultura, Michelangelo disse che egli rimuoveva ciò che non era necessario. Lo stesso vale per il ricordo di sé. Le nostre vite sono come sculture dalle quali, ogni giorno, eliminiamo a colpi di scalpello ciò che è inutile. [...]
Benché la falsa personalità voglia renderlo complicato, il risveglio è davvero molto semplice. [...]

Cosa devo fare?
Quando mangi, gusta il tuo cibo. Quando ascolti, fai lavorare le tue orecchie, non lasciarle semplicemente appese lì a oziare. Guarda con occhio attivo, non passivo. Sarà il tuo cuore a guidarti e lui sa quello che è giusto. [...]
Uno dei miei commenti preferiti a proposito del ricordo di sé, benché egli non lo chiamasse in questo modo, è di Walt Whitman: «Qui la profonda lezione dell'accettazione: né preferenza né diniego». In altre parole, semplicemente accettare ciò che ogni momento offre.
Il ricordo di sé produce un'unità delle parti [...]. Il sé è ri-membrato, riunito, e ci troviamo in uno stato di unità. [...]
Il ricordo di sé è un'esperienza molto essenziale. Quando le idee divengono troppo complicate vuol dire che la falsa personalità si è introdotta nel proprio lavoro. [...] Il ricordo di sé non è una cosa sensazionale [...]. Qualcosa, da dentro, guarda tranquillamente, senza parole.
Ciò che realmente uno possiede è senza parole e sbircia dalla propria fronte. È il proprio sé, bambino [...]. La grande verità in mezzo alla grande menzogna" (pp. 20-27).