La calma a lampi acceca e d'improvviso (Silvia Bre)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

stampa

cerca nel sito

email

seminari

newsletter


 

 


La calma a lampi acceca e d'improvviso (Silvia Bre)


Una poesia sul passaggio dal dualismo dell'oggetto-soggetto alla metafisica della contemplazione, dalla contrapposizione alla calma dello stupore. Dagli occhi che guardavano le stelle agli occhi che, con il crollo della dualitā, diventano vuoto sguardo fatto di stelle.

 

La calma a lampi acceca e d'improvviso
sospende la battaglia dei contrari -
il quadro č un viso eterno di stupore

stelle lontane voi non lo sapete
ma il cielo che vi tiene č giā caduto
perduto rincorrendo un'altro cielo

stelle fedeli č tardi
nemmeno voi ci siete

e gli occhi soli rimangono a vegliare
questa grandiosa rivincita del vuoto.

Sono stelle magnifiche gli sguardi.