Una barca vuota che attraversa il fiume
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 

 


Una barca vuota che attraversa il fiume

All'inizio della lezione abbiamo letto un brano tratto dal Chuang-Tze:

"Supponiamo che una barca attraversi un fiume e un'altra, vuota, stia per scontrarsi con essa. Non perderebbe la calma neppure una persona irritabile. Ma supponiamo ci sia qualcuno nell'altra barca. Allora l'uomo della prima barca gli urlerebbe di tenersi a distanza. E se non sentisse la prima volta, né la seconda, né la terza, si passerebbe per forza alle male parole. Nel primo caso la barca era vuota, nel secondo era occupata. E così avviene con l'uomo. Se egli potesse passar vuoto attraverso la vita, chi potrebbe mai fargli del male?".

Si parla qui dell'abbandono della prospettiva egocentrica, dell'annullamento dell'io, inteso come sede dei desideri e delle volontà egoiche. È l'evangelico tornare ad essere come i bambini, il perdere la propria vita per ritrovarla. È il fare vuoto delle proprie aspettative, troppo personalistiche, troppo ristrette. Chi è vuoto è invincibile, perché a nulla il vuoto si oppone e chi si scontra con il vuoto non trova appigli, appoggi. Non c'è nulla: contro chi si può allora combattere?
Quando meditiamo realizziamo questo stato di vuoto. Vuoti dei nostri giudizi, dei nostri pensieri, delle nostre opinioni, delle nostre reazioni, delle nostre obiezioni, delle nostre preferenze, delle nostre attività, del nostro nostro stato. È una ricerca al di là di tutto ciò che è aggiunto, sovrapposto; al di là di ogni stratificazione, di tutto ciò che è effetto della nostra formazione, della nostra educazione, del nostro status sociale. Al di là dello psicologico, verso il vero sé.

Abbiamo iniziato con l'anapanasati (consapevolezza del respiro).
Poi un giro di camminata in consapevolezza, suddivisa in cinque movimenti.
Successivamente un altro mezzo giro di camminata, questa volta in sette movimenti: il tallone del piede avanti che poggia, il tallone dietro che si alza, il metatarso del piede avanti che poggia, le dita del piede avanti che toccano terra, il metatarso del piede dietro che si alza, le dita del piede dietro che si staccano da terra, il piede dietro cha avanza.
Poi l'esercizio della consapevolezza della posizione in piedi.
Infine l'esercizio, seduti, dello stare in atteggiamento di consapevolezza recettiva: cogliamo qualsiasi segnale proveniente dal nostro apparato psico-fisico. Che sia un prurito, un ricordo, una sensazione del ginocchio che poggia a terra, un'immaginazione, un giudizio, un'emozione, una contrazione muscolare, ...: attraverso una consapevolezza recettiva, non coinvolta e distesa, ne prendo atto; non immedesimandomi con l'oggetto dell'osservazione stessa, lo focalizzo e - scomparso - torno al mio stato di apertura recettiva. E così di seguito.

Alla fine della lezione abbiamo letto una storia zen, "All'ultimo momento" (clicca qui).