Leggi psicosomatiche di Roberto Assagioli
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 



 
Leggi psicosomatiche di Roberto Assagioli

Abbiamo letto le prime cinque leggi psicosomatiche di Roberto Assagioli, il fondatore della psicosintesi. Le altre cinque le leggeremo la prossima volta:

"Prima legge - Le immagini o figure mentali e le idee tendono a produrre le condizioni fisiche e gli atti esterni ad esse corrispondenti.
Seconda legge - Gli atteggiamenti e i movimenti e le azioni tendono ad evocare le immagini e le idee corrispondenti, queste, a loro volta (secondo la legge seguente) evocano e rendono più intensi le emozioni e i sentimenti.
Terza legge - Le idee e le immagini tendono a suscitare le emozioni ed i sentimenti ad esse corrispondenti.
Quarta legge - Le emozioni e le impressioni tendono a suscitare ed a intensificare le idee e le immagini ad esse corrispondenti o collegate.
Quinta legge - I bisogni, gli istinti, gli impulsi e i desideri tendono a produrre le immagini, le idee e le emozioni corrispondenti. Immagini ed idee, a loro volta (secondo la prima legge) suggeriscono le azioni corrispondenti".

Hanno un certo rapporto con la poesia di Sivananda che leggemmo la scorsa settimana. Viene sottolineato anche qui il rapporto tra pensieri, emozioni, immaginazioni, desideri, morale, corpo: tutto è intercomunicante ed agire ad un certo livello significa produrre reazioni anche negli altri. Per questo una retta pratica meditativa deve coinvolgere l'uomo nella sua integrale totalità: intendere la meditazione come cura di sé significa innanzitutto comprendere che ciò che entra in noi (immagini, discorsi, suoni...) e ciò che noi stessi produciamo (pensieri, immagini mentali, parole, affermazioni, ...) sono alla base della perpetua e continua costruzione della nostra persona. Non ci è permesso concepire la meditazione semplicemente nel suo senso tecnico e ristretto: pensarla invece come una benefico cambiamento di paradigma per la nostra vita non può che essere la proficua base per miglioramenti reali in noi stessi.

Abbiamo poi iniziato con il solito esercizio di anapanasati. Un intero giro di camminata meditata suddividendola nelle cinque parti. Poi l'esercizio del fare vuoto e silenzio interiore.