"Siamo tutti figli del momento attuale" (A. H. Almaas)
la meditazione come via
vipassana e zazen




 

home

presentazione

meditare

le lezioni

buddhismo

zen

gli esercizi

testi

bibliografia

insegnante

dizionario zen

links

stampa

cerca nel sito

email

newsletter


 


 

"Siamo tutti figli del momento attuale" (A. H. Almaas)


Ancora leggiamo qualche brano tratto dal testo di A. H. Almaas, La pratica della presenza. Questa volta, che è l'ultima lezione prima della pausa estiva, ci permetteremo di presentare un brano un po' più lungo del solito:

"La vera Natura è il maestro, quello Supremo. [...] Tutti gli esseri sono suoi allievi, e lei insegna in ogni momento, poiché la sua dottrina è l'esperienza di ogni attimo. [...] A noi spetta soltanto constatarlo, riconoscerlo. [...] Le esperienze che facciamo sono soltanto forme momentanee del modo in cui la vera Natura espone continuamente la sua verità.
Ogni istante della nostra vita è pertanto insegnamento. E possiamo vedere cosa esso sia se ci abbandoniamo all'essere dove siamo. Quando ci domandiamo: «Qual è il senso della mia vita?», possiamo capirlo se permettiamo a noi stessi di essere dove siamo. Allora vedremo cosa manifesta in ogni momento la vera Natura. E se sapremo essere davvero dove siamo, in modo pieno, ci renderemo conto che nessun momento è migliore rispetto a qualsiasi altro: ogni momento è sempre l'espressione della vera Natura. [...]
Di conseguenza ogni attimo della nostra vita è d'insegnamento. E ciascun istante ha il suo valore perché è davvero la maniera in cui la vera Natura si manifesta, il modo in cui appare, la forma che assume. [...]
All'inizio del nostro viaggio, quando non siamo capaci di essere noi stessi, il valore compare più in ciò che pensiamo mentalmente che in termini di ciò che è prezioso. Ma quando saremo veri, autentici e sinceri, riconosceremo che esso equivale a riconoscere la verità del momento. Allora faremo esperienza di un genere di preziosità che non è mentale [...].
La vera Natura manifesta direttamente il proprio valore rivelando la presenza, non mascherandosi in questa o quella forma. Poi [...] ci accorgeremo che tutte le manifestazioni, a prescindere dal fatto di saperle riconoscere o no, sono il pregio intrinseco della realtà. [...]
Se ci rilassiamo in questo momento e rimaniamo del tutto al suo interno, cominceremo a riconoscere che questo momento è la realtà [...], poiché è il modo in cui si manifesta la vera Natura. Per essere qui, la vera Natura non attende che riusciamo nella nostra pratica: è già qui. [...]
In ogni momento, il valore dell'esistenza non è il risultato di qualcos'altro, ma la sua stessa natura e realtà. Non è una questione di causa ed effetto. Non attribuiamo valore a qualcosa a causa di un'altra cosa. Nelle fasi iniziali del nostro lavoro, potremmo essere confusi o in errore, pensando che il motivo per apprezzare la realtà dipenda dal fatto che essa ci dà grandi esperienze, ci rende felici, ci spalanca nuove capacità [...]. È pur vero che fa tutto questo, però più riconosciamo chiaramente ciò che si manifesta nell'attimo (il significato del momento attuale, l'insegnamento che si palesa in qualsivoglia forma) e più riconosceremo che la stessa esistenza, la realtà, il valore puro e autosussistente di ciascun momento non sono legati ad alcuna ragione. Il loro valore non deriva dal fare questo o quello, ma è intrinseco.
Riconoscendo tale pregio intrinseco della realtà, il nostro cuore non potrà far altro che colmarsi di apprezzamento. [...]
La domanda è quindi: siamo in ogni momento buoni studenti dell'esperienza? E cosa significa essere buoni studenti? [...]
Un bravo allievo è colui che riconosce che, in ciascun momento, tutto quanto accade (che lo pensiamo buono o cattivo, doloroso o piacevole) non è altro che l'insegnamento della vera Natura che manifesta la sua verità. [...] Inizieremo a vedere che siamo tutti figli del momento attuale, il che equivale a dire che siamo figli della vera Natura.
Imparando quindi la pratica dell'essere dove siamo, a un certo punto riconosceremo che non potremo fare attenzione a dove siamo se non apprezziamo il momento attuale. [...]
Proviamo una sensazione di valore intrinseco. Capiamo di non aver bisogno di realizzare nessuna cosa affinché la vita sia preziosa. [...]
Quest'esperienza, il riconoscimento del pregio, della dolce pienezza e della profonda realizzazione, non hanno alcun senso per la mente. Siamo cresciuti imparando che l'autostima, il senso del proprio valore, è l'effetto di una causa. Ci hanno insegnato che dobbiamo essere 'buoni', fare le cose in un certo modo, imparare o eseguire ciò che qualcun altro ritiene sia prezioso; altrimenti la vita non è degna" (209-215).